Borgo Paggeria, angolo dimenticato della città. "Qui non passa nessuno"

La scalinata che porta in via Mazzini è imbrattata di scritte e piena di escrementi di piccione. Da quando sono iniziati i lavori in Ghiaia la gente si è disabituata a passare in questa zona e oggi, che i lavori sono finiti, i cittadini non sono invogliati a tornarci

Chissà se la Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici ha notato lo stato in cui versa la scalinata che da via Mazzini porta in borgo Paggeria. Quello che è certo è che ha negato alla trattoria "Da Filippo" la possibilità di mettere, come ogni anno in questa stagione, i tavolini fuori dal locale. "Perché si tratta di un borgo storico? Non lo so, li abbiamo sempre messi ma pare che ora non sia più possibile. Al Duc ci hanno detto che tra una decina di giorni sapremo qualcosa", ha spiegato Francesco Colacicco, titolare della trattoria.

Si parla di plateatico, dunque, ma anche di degrado. Infatti la scalinata oggi è imbrattata di scritte e piena di escrementi di piccione. "Qualche volta è stata pulita - spiega Colacicco - ma non basta a risolvere il problema". Infatti se i dissuasori per piccioni sono serviti a salvare l'insegna del negozio "Ravella" e le persiane di qualche abitazione vicina, così non è stato per il muro. La struttura costruita ad hoc per mettere alcune vetrine lungo la scalinata offre un comodissimo sostegno e riparo ai volatili che stazionano lì.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Proprio le vetrine, che dovevano rappresentare un abbellimento e pubblicizzare i negozi del borgo, non vengono sfruttate e sono vuote. Abbiamo chiesto molte volte - conclude il titolare della trattoria - di dare maggiore risalto a questo angolo della città, basterebbe illuminare meglio le scale e abbellire un po' il borgo". Da quando sono iniziati i lavori in Ghiaia la gente si è disabituata a passare in questa zona della città e oggi, che i lavori sono finiti, i cittadini non sono invogliati a tornarci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento