Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Fidenza / Via Palmiro Togliatti

Borgo-Sant'Angelo, follia dei tifosi sotto gli occhi dei bambini: ecco come è andata

La club house del Ballotta trasformata in un far west

Sono stati attimi di terrore quelli vissuti al Ballotta di Fidenza, domenica pomeriggio. La cronaca racconta che un gruppo di tifosi della squadra del Sant’Angelo Lodigiano, ospitata dal Borgo San Donnino per il match del campionato di serie D di calcio, a fine gara avrebbe assaltato la club house del Ballotta che, in quel momento ospitava famiglie e bambini. Non sono volate solo parole grosse, ma ci sarebbero stati anche veri e propri atti di insensata violenza, placati dall’intervento tempestivo dei carabinieri.

Il commento del candidato sindaco, Malvisi

Non si è fatto attendere il commento di condanna di Davide Malvisi, assessore allo sport e candidato a sindaco con la coalizione Fidenza c’è: "Quel che è avvenuto al Ballotta di Fidenza, in un tranquillo pomeriggio di sport e in famiglia, è un fatto grave, inaccettabile. I fidentini sono gente perbene, e il Borgo San Donnino è una società il cui fair play è ampiamente riconosciuto e storicamente apprezzato. Per questo, ma soprattutto per la violenza subita e la paura generata ai bambini e alle famiglie presenti nella club House del Ballotta, l’attacco violento di alcuni tifosi del Sant’Angelo Lodigiano è da condannare e da perseguire. Via i violenti dai nostri stadi e dalle nostre città, che amano la tranquillità e la bellezza dello sport. Mi auguro che arrivino presto le scuse della società del Sant’Angelo verso Fidenza, i fidentini e verso il Borgo San Donnino, perché se lasciamo passare inosservati questi gesti, non insegneremo mai parole come rispetto e dignità. La mia solidarietà ai gestori della club House, alle famiglie presenti e al Borgo San Donnino. Sono dalla vostra parte, che è la parte della civiltà e del vero sport."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo-Sant'Angelo, follia dei tifosi sotto gli occhi dei bambini: ecco come è andata
ParmaToday è in caricamento