Bruciano il portone di un'azienda e spediscono proiettili all'imprenditore: due arresti per estorsione

I carabinieri hanno fermato due persone: i dettagli delle indagini della Procura di Parma

I Carabinieri di Parma hanno arrestato due persone per estorsione aggravata. Le indagini coordinate dalla Procura della Repubblica hanno consentito di ricostruire la grave vicenda estorsiva e di far luce sull’intimidazione subita. Bruciato il portone della sede dell’azienda, recapitati proiettili all’imprenditore vittima, in corsa per l’aggiudicazione di un grosso appalto. I particolari dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa presso la Procura della Repubblica di Parma questa mattina alle ore 11.00.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: si cercano le persone a contatto con l'uomo di Lesignano la sera del ballo a Codogno

Torna su
ParmaToday è in caricamento