Sicurezza, aumentano le denunce per droga: calano i furti in appartamento, a Parma del 17%

Il quadro presentato in Prefettura: "I controlli interforze ed il pattugliamento del territorio hanno funzionato": in città reati in calo del 12%

A Parma e provincia aumentano le denunce per droga mente calano i furti in appartamento, nei negozi, oltre ai borseggi e ai reati in generale. E' questo il quadro presentato nella mattinata del 4 luglio dal Prefetto, dal Questore e Comandante dei Carabinieri e dal Comandante della Guardia di Finanza di Parma. In seguito all'intensificazione dei controlli in strada e alla presenza sempre maggiore delle forze dell'ordine, poliziotti e carabinieri oltre agli agenti della Poliza Locale nei quartieri e nelle vie più 'calde' della città i reati sono calati.

Dal dicembre del 2015 sono iniziate le operazioni interforze, che hanno portato a risultati molto concreti. In particolare nel primo semestre di quest'anno si è registrato un calo del 7,4% dei reati in provincia e del 12% a Parma. Per quanto riguarda i furti il calo è stato del 23% in provincia e del 17% in città: anche i borseggi sono dimunuiti, del 15% in provincia e del 17% a Parma. Un dato rilevante è quello che riguarda i furto nei negozi: nel primo semestre sono calati del 36% in provincia e del 17% in città. Aumentano invece le denunce, sempre nel primo semestre, per reati legati alla droga: a Parma sono state 109 mentre in città 122. Nello stesso periodo dell'anno scorso erano state 79 in città e 84 in provincia. 

"Uno dei maggiori problemi all’inizio dell’estate sono sempre i furti in appartamento - ha sottolineato il Prefetto di Parma Giuseppe Forlani. Nel 2015 Parma ha avuto un alto numero di furti: da allora abbiamo deciso di iniziare i controlli interforze con polizia, carabinieri e polizia locale. Dal dicembre del 2015 a Parma si è creato un dispositivo più concreto e organizzato per il contrasto della criminalità".  

"Inutile tornare sul quadro che riguarda i dati - ha dichiarato il Questore di Parma Gaetano Bonaccorso. Rischierei di ripetermi. Gli indicatori sono positivi, il che è un elemento di conforto e di convalida delle strategie individuate, che devono essere supportate con lavoro e dedizione. Abbiamo fatto ricorso ad analisi e strumentazione per orientare le pattuglie in strada di modo che l’attività non sia random ma possa essere concentrata in luoghi ed orari specifici". 

Il dispositivo dell’Arma  dei Carabinieri -ha detto il Comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Marcello Robustelli- copre tutta la provincia ed è volto a massimizzare la protezione esterna per la prevenzione dei reati e l’intervento immediato. I numeri sono premianti:  i reati infatti sono in flessione nel capoluogo e nella provincia". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento