Camionista palermitano con 3 pistole e 300 proiettili in casa: arrestato

Sono una calibro 32 con matricola abrasa, una calibro 38 clandestina senza matricola e una scacciacani senza il tappo rosso. Il 59enne palermitano aveva in casa 6 proiettili da guerra

Le pistole e i proiettili sequestrati al camionista

Aveva motivato la sua necessità di un porto d'armi per difendersi da ladri di cui più volte era stato vittima, ragioni che però nel 2007 non gli avevano permesso di ottenere la licenza a causa di precedenti penali per lesioni. Un rifiuto davanti al quale il titolare di una ditta di autotrasporti, B.N., classe 1953, palermitano residente nel reggiano da anni, non ha voluto fermarsi. Nel corso di un controllo da parte dei carabinieri, con una pattuglia di Neviano degli Arduini e una di Langhirano, sul trasporto dei mezzi pesanti, l'uomo è stato fermato in località Isolanda lo scorso 7 dicembre e trovato in possesso di un proiettile da guerra.

SEQUESTRATE 3 PISTOLE. Dai controlli, non risultando detentore di alcun tipo di porto d'armi, le Forze dell'Ordine hanno proceduto a controlli nella sua abitazione di Casalgrande, dove l'uomo vive in una villetta con la sua compagna e i figli. Una calibro 32 con matricola abrasa è stata rinvenuta in un cassetto della cucina, una calibro 38 clandestina priva di matricola nella stanza da letto e una scacciacani, tutte cariche. Dai controlli sono stati anche trovati 289 proiettili di varia natura nella stanza da letto, per calibro 38, proiettili con croce artigianale sull'ogiva particolarmente pericolosi perchè nell'impatto aumenta il numero di schegge, calibro 9 civile, calibro 9 corto, calibro 22, calibro 32 regular, proiettili a punta cava e per pistola a salve. A colpire particolarmente la presenza di 6 proiettili da guerra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

INDAGINI IN CORSO, TRAFFICO D'ARMI? E' apparso da subito evidente che tale ritrovamento era spropositato per una esigenza di difesa personale dai ladri, una situazione preoccupante per il possesso di pistole particolarmente pericolose, procurate illegalmente, presenti in casa cariche alla presenza anche di altre persone nell'abitazione. Sono in corso le verifiche per stabilire se le armi rinvenute siano riconducibili a episodi di omicidi, sparatorie, rapine. L'abitazione ha uno spiazzo utilizzato per lo stoccaggio della merce e viene affittato a autotrasportatori, sono in corso le indagini per capire se l'uomo avesse anche un'altra attività, illecita, legata alle armi e ai proiettili in suo possesso. Secondo quanto ipotizzato, grazie alla facilità di B.N. di viaggiare per tutta Italia e per l'Europa, quanto rinvenuto è frutto di acquisti sul mercato nero. Arrestato per detenzione illegale di armi, l'uomo ora si trova nel carcere di Reggio Emilia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento