Camorra e calcioscommesse: Quagliarella sentito su Napoli - Parma

Il calciatore è stato sentito come persona informata dei fatti dai pm partenopei. Alcune domande hanno riguardato la gara Napoli - Parma del 2010/11, quando Quagliarella fu espulso dopo momenti di forte tensione in campo

Il calciatore della Juventus Fabio Quagliarella è stato sentito come persona informata dei fatti dai pm di Napoli che indagano su camorra e scommesse sportive. Quagliarella è originario di Castellammare di Stabia, città in cui è egemone il clan camorristico D'Alessandro-Di Martino; il clan, secondo l'accusa, investiva forti somme di denaro su partite di calcio italiane e straniere i cui risultati venivano truccati. Il calciatore è stato ascoltato per più di un'ora dal procuratore aggiunto Rosario Cantelmo e dai pm Pierpaolo Filippelli e Claudio Siragusa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quanto si è appreso, i magistrati si sono soffermati sui suoi rapporti con la città d'origine e i suoi abitanti e gli hanno chiesto se questi costituissero un problema per il Napoli, squadra dove Quagliarella in precedenza ha giocato. Il calciatore ha negato, spiegando che i problemi erano dovuti semmai a scelte tecniche dell'allenatore da lui non condivise. Alcune domande hanno riguardato anche l'incontro Napoli - Parma del campionato 2010-2011, durante il quale Quagliarella fu espulso dopo momenti di forte tensione in campo. Il giocatore ha spiegato che si aspettava un ricorso dalla società, ricorso che però non fu mai presentato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento