Camorra: dal carcere di Parma le intercettazioni al boss Genovese sulle bombe ad Avellino

Secondo gli inquirenti ci sarebbe il nuovo clan Partenio dietro agli attentati

Da un'intercettazione ambientale avvenuta nel carcere parmigiano di via Burla gli inquirenti sono riusciti a ricostruire il quadro che ruoterebbe attorno agli attentati avvenuti ad Avellino nel mese di settembre. Secondo le indagini ci sarebbe infatti il nuovo clan Partenio dietro agli attentati. E' quanto emerge dagli ultimi atti depositati dagli inquirenti presso il Tribunale del Riesame. Circa 200 pagine di intercettazioni ambientali e telefoniche riferite agli ultimi mesi. A settembre due attentati scossero la tranquillità di Avellino. Prima una bomba artigianale fatta esplodere nell'auto di un imprenditore locale e poi 5 auto crivellate di proiettili e appartenenti a Damiano Genovese, figlio del boss Amedeo ed incensurato. E' proprio dalle intercettazioni che riguardano questi ultimi due che emerge come, dietro agli attentati, potrebbe esserci la mano di Pasquale Galdieri, arrestato nell'ambito dell'operazione 'Partenio 2.0' e considerato dagli inquirenti il capo del nuovo clan. In una intercettazione ambientale, Damiano Genovese spiega a un suo interlocutore che, dietro all'attentato ai suoi danni ci sarebbe Galdieri, ricostruendo anche la dinamica di quella notte con due ragazzi in fuga su uno scooter dopo aver esploso i proiettili.

Un'altra intercettazione ambientale, invece, viene registrata nel carcere di Parma dove si trova recluso il padre, Amedeo, che nel corso di un colloquio con un suo parente sottolinea tutte le sue preoccupazioni per quanto sta avvenendo ad Avellino, chiedendo di avvertire il figlio di stare alla larga da Galdieri e i suoi uomini, temendo per la sua vita. Soprattutto quello che emerge dalle intercettazioni è che, il legame che c'era tra Galdieri e la famiglia Genovese si sarebbe interrotto negli ultimi mesi, una situazione, questa, ancora da chiarire dagli inquirenti, ma che Amedeo Genovese teme molto perché, sempre in una intercettazione chiede al suo interlocutore di fare di tutto per mettere pace ad Avellino tra il figlio Damiano e Galdieri che definisce come il suo 'erede'. (Adnkronos)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

Torna su
ParmaToday è in caricamento