menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campagna antiCovid: i medici di famiglia vaccineranno anche a domicilio

Saranno operativi per somministrare le dosi agli anziani non trasportabili e ai loro caregiver

Con la conferma dell’arrivo di maggiori quantità di vaccini, si amplia il ruolo dei medici di medicina generale nella campagna vaccinale, già impegnati da settimane insieme all’Ausl nelle somministrazioni.

“Il potenziamento della rete vaccinale con l’ampliamento della collaborazione dei medici di famiglia raggiunge un duplice obiettivo – spiega la commissaria straordinaria dell’Azienda Usl di Parma, Anna Maria Petrini -: aumentare il numero di persone vaccinate ogni giorno e incrementare il livello di adesione dei cittadini, grazie al rapporto fiduciario che lega ogni medico ai propri assistiti”.

Oltre alle vaccinazioni al personale della scuola, iniziate lo scorso 23 febbraio e che al 30 marzo sono già state assicurate a 7.404 lavoratori di questo comparto, i medici di famiglia sono pronti ad offrire la somministrazione anche al domicilio dei propri assistiti anziani. Si tratta di persone anziane con più di 80 anni, già prese in carico dai servizio di assistenza domiciliare integrata o protetta, che per motivi di salute non possono recarsi ai centri vaccinali, e la vaccinazione viene estesa anche ai loro caregivers.

Si conferma così il ruolo chiave del medico di medicina generale anche nell'attività di somministrazioni a domicilio di vaccino ai pazienti intrasportabili.

Ma non è tutto. Un altro importante supporto assicurato dai medici di medicina generale alla campagna vaccinale è dato nell’individuazione delle persone “estremamente vulnerabili”, cioè coloro che, a prescindere dall’età, sono affette da un danno d’organo pre-esistente o che, in ragione di una compromissione della risposta immunitaria al virus Sars-CoV2 hanno un rischio particolarmente elevato di sviluppare delle patologie gravi. L’identificazione degli aventi diritto è fatta attraverso il confronto e l’incrocio di banche dati (per la lista completa delle patologie che rientrano in questa categoria nella home page del sito www.ausl.pr.it andare nella sezione “Vaccinazioni anticovid-19” e cliccare il link “Persone estremamente vulnerabili”).

A Parma e provincia si tratta di circa 23.000 persone, per le quali le vaccinazioni sono già iniziate. Con l’obiettivo di raggiungere tutti gli aventi diritto, ogni medico di famiglia riceve dall’Ausl un elenco di propri assistiti in condizione di estrema vulnerabilità. In questo modo il medico non solo può verificare che l’elenco sia completo, ma può anche segnalare all’Azienda sanitaria le persone non presenti. Anche per le persone estremamente vulnerabili non è necessaria la prenotazione, perché saranno contattate direttamente dall’Ausl.

Si ricorda infine che nelle scorse settimane il ruolo attivo dei medici di medicina generale è stato determinante anche per la vaccinazione degli ospiti e degli operatori sanitari negli oltre 50 centri residenziali per anziani (Cra) di Parma e provincia.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Attualità

    Vaccino: entro fine mese in arrivo 354mila dosi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento