menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Un detenuto ha tentato il suicidio: poi ha aggredito i due agenti che l'hanno salvato"

I due poliziotti penitenziari hanno riportato 7 e 10 giorni di prognosi: la ricostruzione dell'Osapp

All'interno del carcere di via Burla a Parma si è verificata una nuova aggressione ai danni degli agenti di Polizia Penitenziaria. L'episodio sarebbe avvenuto all'interno del Padiglione di Media Sicurezza ed avrebbe coinvolto un detenuto che, dopo aver tentato il suicidio inalando il gas da un bomboletta, avrebbe aggredito gli agenti che l'hanno salvato. 

"Sembrerebbe che il detenuto -ricostruisce l'Osapp- sia stato sorpreso mentre inalava del gas da una bomboletta del tipo consentito. Gli agenti intervenivano per tutelare la salute del detenuto e farlo desistere dall’azione che avrebbe potuto comportare gravi danni per la salute del detenuto stesso. Il detenuto, poco più che maggiorenne si è scagliato contro i due appartenenti alla Polizia Penitenziaria aggredendoli. Un episodio gravissimo che ripropone le forti preoccupazioni espresse dalla scrivente sigla sindacale in materia di gestione di talune tipologie di detenuti e soprattutto nella quotidiana e silenziosa battaglia che gli uomini e le donne della Polizia Penitenziaria sono costretti a svolgere, nella cronica carenza di uomini e mezzi che consentano un corretto e sereno svolgimento dei compiti istituzionali propri di questo Corpo di Polizia. I due agenti successivamente hanno dovuto fare ricorso alle cure del Pronto Soccorso dove sono stati dichiarati guaribili rispettivamente in sette e dieci giorni". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento