Carcere: detenuto prende per il collo un poliziotto e lo manda all'ospedale

L'episodio sarebbe avvenuto nel tardo pomeriggio di domenica 3 novembre all'interno del penitenziario di via Burla

Avrebbe preso per il collo un poliziotto della Penitenziaria mentre si trovava all'interno del carcere di via Burla a Parma, durante le operazioni di ritiro dello spazzatura. Un detenuto magrebino, già responsabile di altre aggressioni contro gli agenti e dell'incendio della sua camera per protesta, si sarebbe reso protagonista dell'ennesimo episodio di violenza. La denuncia arriva dal segretario generale del Si.N.A.P.Pe Gianluca Giliberti. Il poliziotto è stato trasportato al Pronto Soccorso dell'Ospedale Maggiore per accertamenti. 

Purtroppo, simili episodi - dichiara il sindacato dagli agenti Penitenziari. Sistanno diventando sempre più frequenti presso gli II.PP. di Parma e, più in generale, negli Istituti di Pena della regione. Il SiNAPPe, oltre a sollecitare l’immediato trasferimento del detenuto responsabile dell'evento critico, ai sensi della circolare GDAP 10/10/2018.0316870.U del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, continua a chiedere ai Superiori Uffici di farsi carico della problematica relativa alla gestione dei detenuti facinorosi e/o psichiatrici che stanno mettendo a soqquadro gli Istituti della Regione, compromettendone seriamente l'ordine e la sicurezza interna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

Torna su
ParmaToday è in caricamento