Estate 'calda' in carcere, Giliberti: "Sorveglianza dinamica? Manca un percorso rieducativo"

Il segretario regionale del Sinappe: "Manca un direttore a tempo pieno e i detenuti con problemi psichiatrici sono nelle celle con gli altri: ciò crea problemi, con episodi di aggressione e di autolesionismo"

Rivolte e proteste dei detenuti per ottenere il regime delle celle aperte e per il vitto, episodi di autolesionismo e tentativi di suicidio. L'estate del 2017 è stata rovente per il penitenziario parmigiano di via Burla. Qualche giorno fa c'è stata la protesta dei detenuti che si sono rifiutati di far ritorno nelle proprie celle dopo l'ora d'aria. Gianluca Giliberti è il segretario regionale del Sinappe. Gli abbiamo chiesto quali, dal suo punto di vista priviliegiato, sono i problemi che il carcere parmigiano sconta. 

"Effettivamente l'estate del 2017 è stata particolarmente rovente per il carcere di Parma per i problemi che denunciamo da tempo: la mancanza di un direttore che svolga in maniera esclusiva la sua funzione e di un provveditore regionale titolare dell'istituzione della sorveglianza dinamica, ovvero l'apertura dei detenuti all'interno delle sezioni detentive, ai quali però non è stato garantito un adeguato percorso rieducativo e lavorativo. I detenuti con problemi psichiatrici sono detenuti nelle sezioni normali, con tutto quello che ciò comporta per quanto riguarda aggressioni, autolesionismo e altro". 
 

Potrebbe interessarti

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Le cause e i rimedi naturali per combattere la pancia gonfia

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

  • I 10 elementi che devono essere conservati fuori dal frigorifero

I più letti della settimana

  • Schianto tra due mezzi pesanti in A1: muore un camionista

  • Incidente in piscina: la 12enne parmigiana è morta

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Pauroso schianto tra auto e bici a Noceto: 16enne gravissimo al Maggiore

  • Parma sotto choc per la morte di Sofia Bernkopf: "Una bambina che amava ballare e sorrideva a tutti"

  • Caso Pesci, i medici del Pronto Soccorso: "Legata, con una pallina in bocca e frustata"

Torna su
ParmaToday è in caricamento