Casa della Musica: concerto e convegno sulla divulgazione della musica verdiana

Fuori dal teatro. Modi e percorsi della divulgazione di Verdi", è il titolo del convegno di studi, organizzato da Casa della Musica, CIRPeM, Università di Parma il 10 e 11 dicembre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Fuori dal teatro. Modi e percorsi della divulgazione di Verdi", è il titolo del convegno di studi, organizzato da Casa della Musica, CIRPeM, Università di Parma, Università di Bologna, Archivio delle Società Filarmoniche Italiane per la cura scientifica di Marco Capra e Antonio Carlini e inserito nel programma ufficiale nazionale delle celebrazioni per il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi, che si terrà alla Casa della Musica di Parma il 10 e 11 dicembre prossimi.

«Continua con questo convegno di studi - spiega il presidente della Casa della Musica di Parma Marco Capra - l'impegno che la Casa della Musica ha profuso negli anni precedenti realizzando una serie d'iniziative - convegnistiche, musicali, editoriali, espositive, discografiche, cinematografiche - con la quale ha affrontato in modo organico e complementare diversi aspetti della storia musicale italiana, seguendone l'evoluzione sotto vari aspetti della sua produzione, dello sviluppo della sua divulgazione e recezione, nonché prettamente musicologici. In questo anno in particolare, la Casa della Musica ha visto le celebrazioni per il bicentenario della nascita di Verdi e di Wagner come un'occasione per approfondire le figure e l'opera di entrambi non solo dal punto di vista consueto degli studi musicologici, ma anche di altre discipline. Dopo i due convegni che la Casa della Musica ha dedicato nei mesi passati a Verdi e Wagner nel cinema e all'elemento comico e grottesco in Verdi, questo nuovo convegno vuole affrontare uno degli aspetti principali legati alla musica e alla figura di Verdi: i modi attraverso i quali le sue opere, concepite per luoghi ancora riservati a una parte ristretta della società, quali erano i teatri nel XIX secolo, si siano tradotte in un repertorio "popolare" di temi musicali, vicende e personaggi che sono entrati stabilmente nell'immaginario di un numero di persone assai più ampio e vario di quello che frequentava i teatri.

L'ingresso a tutte le sessioni del convegno è liberamente aperto a tutti gli interessati.

Il convegno sarà preceduto da un concerto, tematicamente a esso strettamente collegato, che si terrà alle 20.30 di giovedì 5 dicembre nella Sala dei Concerti della Casa della Musica, protagonista il trio formato da Roberto Beltrami, pianoforte, Maurizio Cadossi, violino e Claudio Merlo, violoncello: il programma presenta composizioni di Robert Schumann, Trio in sol minore per pianoforte, violino e violoncello op. 110, Giovanni Avolio, "Un bel dì vedremo" dalla "Madama Butterfly" di Giacomo Puccini, Ernest Adler, Fantasia sul "Lohengrin" di Richard Wagner e di Vincenzo De Meglio, Fantasia sul "Rigoletto" di Giuseppe Verdi. Anche per questo concerto, così come per il successivo convegno, l'ingresso è liberamente aperto a tutti gli interessati.

"Fuori dal teatro. Modi e percorsi della divulgazione di Verdi"

Programma del convegno:

10 dicembre

- 9,30-11,30: I sessione - Saluti e introduzione
- Carlida Steffan: Verdi e le forme di trasmissione della lirica vocale da camera; Marco Bizzarini: Dal teatro al "morceau de salon": fantasie, divertimenti, reminiscenze strumentali da "Les vêpres siciliennes"
- 12,00-13,20: II sessione
- Roberto Calabretto: Le trascrizioni bandistiche della musica di Verdi: semplice strumento di divulgazione?; Antonio Carlini: Le corali e la musica di Verdi in Italia
- 15,30-16,30: III sessione
- Alfonso Cipolla, Verdi e il teatro delle marionette; Paolo Russo: Paolo Russo, "Canto l'opra e l'amor d'Aida bella". Il racconto d'Aida nell'Italia ottocentesca
- 17,00-18,30: IV sessione
- Dino Rizzo: A Messa ascoltando le musiche di Verdi: dalla giovinezza alla maturità, da Busseto a Milano; Mauro Casadei Turroni Monti: L'incenso su Verdi. Sguardi cattolici italiani fin dentro al Novecento
11 dicembre
- 9,30-11,30: V sessione
- Pietro Zappalà: Inconsuete forme di diffusione di Verdi a Cremona; Angelo Rusconi: Le opere di Verdi e il sistema della musica in un centro della provincia lombarda: il caso di Lecco; Michele Toss: La diffusione delle opere di Giuseppe Verdi nella canzone popolare di protesta tra '800 e '900
- 12,00-13,30: V sessione
- Raffaella Carluccio: 1913: le celebrazioni del primo centenario verdiano; Eleonora Benassi: Nel 'solco' di Verdi: disco e mercato discografico nel 1913; Cristina Ghirardini: Il piano melodico di Giovanni Racca e le opere di Verdi
- 15,30-17,30: VI sessione
- Marco Beghelli: Verdi e la musica registrata; Vincenzina Ottomano: La "riscoperta" di Verdi attraverso le trasmissioni radiofoniche; Marco Capra: Cinecittà, andata e ritorno. Premesse e conseguenze della sceneggiatura di Lucio D'Ambra per "Verdi" di Carmine Gallone
L'ingresso a tutte le sessioni del convegno è liberamente aperto a tutti gli interessati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento