Casa, presidio in Prefettura: 'Solidali contro sgomberi e arresti'

Presidio del movimento di lotta per la casa dopo lo sgombero violento della palazzina occupata al quartiere Montagnola a Roma. Polizia con caschi e manganelli: blocco simbolico di via Repubblica ma nessuna tensione

Il movimento di lotta per la casa di Parma, insieme agli sfrattati e agli occupanti delle palazzine della città, da quelli dello spazio Popolare Sovescio a quelli dell'ultima occupazione di via Cagliari, si e' ritrovato dalle ore 18 davanti alla Prefettura di Parma in via Repubblica per un presidio in solidarieta' alle 200 famiglie sgomberate ieri al quartiere Montagnola a Roma. Uno sgombero violento e che ha portato ad alcuni feriti, suscitando polemiche per il comportamennto delle forze dell'ordine. La protesta è anche per il corteo del 12 aprile, a cui gli attivisti hanno partecipato, che si è lasciato dietro uno strascico di polemiche per il comportamento dell'agente che, immortalato in un'immagine, ha calpestato una manifestante a terra. 

Le immagini dei pestaggi, denunciati dagli attivisti durante il corteo del 12 aprile e lo sgombero della palazzina, sono state appese davanti all'ingresso della Prefettura. Sono le foto che negli ultimi giorni sono circolate sul Web e sulle testate e televisioni nazionali. Una settantina di persone oggi hanno distribuito volantini, fatto interventi al megafono e occupato simbolicamente la strada per qualche minuto. Sul posto uno schieramento di poliziotti con caschi e manganelli, davanti all'ingresso e dentro al cortile tra Prefettura e Questura. Gli attivisti hanno simbolicamente occupato la centrale via Repubblica, ma non c'è stata nessuna tensione con le forze dell'ordine. La protesta e' terminata senza tensioni. Gli attivisti hanno esposto uno striscione con scritto 'Solidali e complici contro sgomberi, sfratti e arresti'. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nell'ultima settimana si parla di sei sgomberi a Roma, di sgomberi a Milano e a Torino. In tutta Italia insomma il Governo Renzi mostra come si vuole comportare con chi non ha un tetto sulla testa. La risposta è solo la violenza della polizia" ha detto un attivista della Rete Diritti in Casa al megafono durante il presidio. "E vogliamo ricordare"- ha proseguito che anche qui a Parma abbiamo delle case che hanno sgomberato con il motivo dell'urgenza, da via Trento a Borgo Poi, dall'ex scuola elementare di Marore dicendo che era urgente per fare dei lavori. Invitiamo tutti i cittadini ad andare a vedere se sono state fatte le ristrutturazioni. No, sono ancora nelle condizioni del post sgombero. Questa situazione non la tolleriamo più: non ci vengano più a dire che c'è urgenza. Non sopporteremo nemmeno di vedere queste case ancora vuote". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento