menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Prostituta in casa

Prostituta in casa

Sequestrata casa per appuntamenti: denunciata cinese di Parma

La donna, 35 anni, è accusata di favoreggiamento della prostituzione. I clienti venivano procacciati sul internet con annunci e immagini di giovani orientali. Denunciata anche una prostituta clandestina

Una casa di appuntamenti utilizzata da donne cinesi che si prostituivano è stata sequestrata dalla polizia municipale dell'Area Nord a Mirandola, nel Modenese. Si tratta di un appartamento di via Milazzo, accanto a piazza Costituente, che era stato preso in affitto da una 35enne cinese residente a Parma. La donna, come una connazionale di 40 anni che si prostituiva nell'abitazione e che era clandestina, è stata denunciata.

L'operazione della polizia municipale, coordinata dal sostituto procuratore Giuseppe Tibis, ha scoperto che i clienti venivano procacciati su internet con annunci e immagini di giovani orientali. Per incontrare le ragazze, dovevano chiamare numeri di cellulare sempre diversi e venivano infine indirizzati all'appartamento di via Milazzo. Qui sono stati sequestrati 160 preservativi, un pc portatile, un hard disk, un collegamento internet e due telefoni cellulari. La 35enne affittuaria dell'appartamento deve rispondere di favoreggiamento della prostituzione. Sono in corso ulteriori indagini per identificare eventuali altre persone che abbiano gestito l'attività illegale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

  • Cronaca

    Confartigianato: "A disposizione le nostre sedi per le vaccinazioni"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento