menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La rissa a Lecce foto: Lecceprima

La rissa a Lecce foto: Lecceprima

Rissa a Lecce per il raduno di Casa Pound: 12 obblighi di dimora, uno a Parma

Nella notte tra il 4 e il 5 settembre 2014 nel centro storico di Lecce ci verificarono alcuni scontri tra esponenti di Casapound e gli antagonisti: obbligo di dimora per il responsabile di Casa Pound Parma Pierpaolo Moraa

Nella notte tra il 4 e il 5 settembre 2014 nel centro storico di Lecce ci verificarono alcuni scontri tra esponenti di Casapound, che aveva organizzato la propria festa nazionale dal 5 al 7 settembre, ed esponenti dei movimenti antagonisti. Per quella maxi-rissa ci sono 12 indagati, per i quali è stata emessa un'ordinanza di misura cautelare dell'obbligo di dimora. 

Otto di costoro sono esponenti di CasaPound di Arezzo, Lucca, Milano, Parma, Pistoia, Roma, Torino e Arezzo, altri quattro frequentatori del “Binario 68 occupato”, il fabbricato di via Dalmazio Birago dove si radunano gli antagonisti salentini. Uno di loro risiede a Bologna, un’altra è una ragazza che abita a Milano. Obbligo di dimora vuol dire in buona sostanza che, in qualità di indagati, non possono uscire al di fuori dei luoghi in cui hanno domicilio. L’inosservanza dell’ordine impartito dalla Procura farà scattare ulteriori provvedimenti, con il rischio anche di un arresto.

Questa mattina in conferenza era presenta il procuratore di Lecce Cataldo Motta, che ha avuto parole molto dure per entrambe le fazioni. “L’importanza dell’applicazione di questa misura, che non dà nemmeno adeguatamente la dimensione di quanto accaduto, è dovuta al problema della violenza. Indipendentemente dal colore politico – ha aggiunto - non è tollerabile che vi sia una manifestazione di violenza così esasperata, in una città normalmente tranquilla”.

“Il recente episodio – ha detto ancora Motta – ha turbato la città. Gli esponenti di Casapound forse erano venuti per colonizzare il territorio, ma Lecce non può essere considerato un territorio di scontro, per il quale ci si muove da chilometri di distanza per venire evidentemente a creare difficoltà ai cittadini prima ancora che alle forze di polizia, che avrebbero ben altro di cui occuparsi”.

Gli indagati

L’obbligo di dimora riguarda: Fabio Barsanti, 33enne di Lucca; Andrea Buonamici, 23enne di Monsummano Terme (Pistoia); Marco Clemente, 37enne originario di Roma, ma residente a Milano; Guido Giuseppe Giraldi; Attilio Granato, 39enne di Roma; Carla Leo, 27enne di Monteroni di Lecce; Pier Paolo Mora, 30enne di Parma; Matteo Maria Pascariello, 24enne di Lecce; Marco Racca, 32enne di Torino; Paolo Resta, 37enne di Lecce; Alessandra Rizzo, 37enne domiciliata a Trepuzzi (ma residente a Milano); Eugenio Palazzini, 31enne di Monte San Savino, provincia di Arezzo.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento