Caseifici aperti nel fine settimana: dove nasce il Parmigiano Reggiano

Il 5 e 6 ottobre più di cinquanta caseifici del Parmigiano Reggiano aprono le porte ai consumatori, invitandoli alla diretta scoperta di quanto accade in queste strutture artigianali

Il prossimo fine settimana, più di cinquanta caseifici del Parmigiano Reggiano aprono le porte ai consumatori, invitandoli alla diretta scoperta di quanto accade in queste strutture artigianali, dei luoghi e dei modi in cui nasce il prodotto e, naturalmente, a gustarne quelle diverse caratteristiche determinate, nel tempo, dalla stagionatura. 

“L’iniziativa – spiega il direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano, Riccardo Deserti – nasce proprio per consentire a tanti consumatori di conoscere meglio non solo il prodotto, ma anche il lavoro e la tradizione che stanno alle spalle di un’assoluta eccellenza alimentare del nostro Paese”. “Anche i prodotti alimentari segnati da un forte legame con precise aree territoriali e dall’artigianalità – osserva Deserti – spesso sono conosciuti soltanto per come vengono proposti sugli scaffali dei punti vendita; proprio per questo crediamo sia importante offrire l’opportunità di conoscere meglio anche ciò che avviene nel corso della produzione e della stagionatura del nostro formaggio, perché è proprio a questi processi che si lega la sua unicità”. 

Nella provincia di Parma, saranno ben 16 i caseifici aperti (l’elenco completo, e gli orari e il programma dei singoli caseifici sono sul sito www.parmigianoreggiano.it), coprendo un’area che va dalla “bassa” all’Appennino. In tutti, insieme agli acquisti, saranno possibili visite guidate al caseificio e ai magazzini, con l’aggiunta, in alcuni casi, di visite possibili anche in stalla. 

I caseifici parmensi aperti il 5 e il 6 ottobre sono: Società Agricola Butteri (Salsomaggiore Terme), Consorzio Produttori Latte (Parma), Caseari Corradi (Noceto), Industria Casearia Ferrari Giovanni (Bedonia, località Borio), la Cooperativa agricola Il Trionfo ( San Secondo Parmense), Azienda agricola biologica Iris (Rivalta-Lesignano De Bagni), Latteria sociale La Medesanese (Medesano), Caseificio La Madonnina (Salsomaggiore Terme), Caseificio Lanfredini (Salsomaggiore Terme), Caseificio Montecoppe (Collecchio), Società agricola Saliceto (Mulazzano Ponte), Caseificio San Bernardino (Tortiano di Montechiarugolo), Latteria sociale San Ferdinando (Zibello), la Cooperativa San Martino (Varano de’ Melegari), Caseificio San Salvatore (Colorno), Società agricola Valserena (Gainago di Torrile). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento