menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Busseto, iniziano i lavori per la cassa di espansione: dallo Stato 635 mila euro

La Provincia ha avviato l'intervento per la realizzazione della cassa di laminazione sul cavo Viola, una vasca di circa 14.000 metri cubi dove, in caso di piogge eccezionali, verranno riversate le acque del canale che scorre lungo la strada provinciale per Spigarolo.

La Provincia ha avviato l’intervento per la realizzazione della cassa di laminazione sul cavo Viola, una vasca di circa 14.000 metri cubi dove, in caso di piogge eccezionali, verranno riversate le acque del canale che scorre lungo la strada provinciale per Spigarolo.

"La Provincia, dopo le esondazioni degli ultimi anni, ha redatto una mappa delle criticità di tutta l’area a valle della Via Emilia - spiega l’assessore alla Difesa del suolo Ugo Danni - un lavoro accurato, che è stato discusso e approvato dal Consiglio provinciale, nell’ambito del quale era inserito anche l’intervento sul cavo Viola. L’obiettivo è evitare la fuoriuscita di acque e gli allagamenti degli abitati di Spigarolo e Frascarolo. L’intervento - continua - si integra con quelli già realizzati dalla Provincia sull’ Onginella, sempre a Busseto, e in prossimità della casa natale di Giuseppe Verdi a Roncole".

I lavori, aggiudicati con gara all'associazione temporanea d’impresa Dallara-Gabelli avranno una durata di 120 giorni e l'intervento è finanziato con 635 mila euro dal Ministero dell'Ambiente. La cassa di laminazione si estende dalla provinciale 11 di Busseto alla provinciale 91 di Sanboseto, collocazione che permetterà anche di ridurre notevolmente il rischio di esondazione dei canali di pertinenza della Bonifica. Le fasi dell’opera prevedono lo scavo della vasca, la realizzazione di locali rivestimenti delle scarpate della vasca e dei canali in prossimità dei collegamenti vasca-canale, mediante pietrame, e la realizzazione di due impianti di sollevamento presso il Torto e il Viola per svuotare completamente la cassa.

In vasca entrano solo acque meteoriche e  sono state previste anche reti e griglie per evitare che le acque trasportino materiale solido all’interno. Inoltre sarà adeguatamente recintata e, al fine di limitarne l'impatto paesaggistico, sarà mitigata da siepi ed essenze arboree oltre che all'utilizzo di materiali naturali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

Il parco Vezzani torna a nuova vita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento