Censi su Facebook: "Vorrei spiegarvi tutto ma non posso"

Il sindaco di Polesine Zibello scrive sul social network dagli arresti domiciliari, dopo l'interrogatorio di garanzia in cui si è avvalso della facoltà di non rispondere

Il sindaco di Polesine Zibello Andrea Censi usa Facebook per comunicare con i suoi cittadini, dopo l'interrogatorio di garanzia in cui si è avvalso della facoltà di non rispondere. Gli avvocati hanno fatto sapere che è ancora troppo presto per dire qualcosa, vista la mole dell'ordinanza di custodia cautelare. Il primo cittadino, che si trova agli arresti domiciliari nella sua abitazione ha scritto: "Vorrei parlare con ogni cittadino per spiegare e chiarire tutto ma non si può". 

Ecco il suo post: "Primo e ultimo messaggio ! Non posso dire nulla ! Vorrei parlare con ogni cittadino per spiegare e chiarire tutto ! Ma non si può! Devo rispettare il silenzio dei domiciliari e leggere tutto ciò di cui sono accusato insieme al mio avvocato ! Purtroppo non saranno tempi brevi. Ringrazio davvero tutti indistintamente per la vicinanza e per l'amicizia! Vi abbraccio tutti con il cuore e lo spirito di sempre! Ora il mio tempo sarà dedicato solo a mio figlio e alla mia famiglia e per la scrittura delle mie memorie difensive". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Choc a Langhirano: 59enne muore travolta da un'auto mentre va a prendere la corriera

  • Bollino antifascista, Pizzarotti sul ricorso al Tar: "Proponetelo tutti per un'Italia antifascista"

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • Choc in centro: "I ragazzini delle baby gang si lanciano sotto ai bus in marcia"

  • Maltempo, perturbazione in arrivo: da giovedì neve a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento