Centri Antiviolenza, 17 milioni di euro. "Non sono una priorità per il Governo'

Il Coordinamento Donne della Cgil di Parma sostiene e rilancia l'appello dell'associazione D.i.Re che chiede a Renzi di sbloccare i fondi previsti dalla Legge sul Femminicidio e mai arrivati, fondamentali per dare continuità ai progetti

È di pochi giorni fa l’appello, lanciato dall’associazione nazionale D.i.Re (Donne in rete contro la violenza) al Governo, affinché venga dato finalmente corso al Piano Nazionale Antiviolenza, con cui il precedente Esecutivo aveva deliberato di stanziare 17 milioni di euro per il biennio 2013-2014, destinandoli ai Centri Antiviolenza e alle Case Rifugio. Tali finanziamenti, fondamentali per dare continuità ai progetti di sostegno e aiuto alle donne che intraprendono percorsi di uscita dalla violenza e di autodeterminazione, sono attualmente bloccati.

La scorsa settimana Loredana Taddei, responsabile delle politiche di genere della Cgil nazionale ha denunciato, attraverso una nota che “La violenza contro le donne non è più una priorità nel nostro Paese. A oggi non è stata ancora assegnata la delega alle Pari Opportunità, il Piano nazionale antiviolenza non è stato ancora rinnovato e i 17 milioni di euro per il biennio 2013-2014 previsti dalla legge contro il femminicidio non sono stati ancora assegnati ai Centri Antiviolenza e alle Case Rifugio, mettendone seriamente a repentaglio la sopravvivenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questi gravi ritardi – ricordava la Taddei - sono una dimostrazione tangibile che le politiche di genere, al di là degli annunci, non sono una delle priorità di questo governo. È invece quanto mai necessario e urgente dare continuità alla diffusione della cultura di genere, nei luoghi di lavoro come nella società civile, con l'obiettivo di contrastare ogni forma di discriminazione, violenza e molestia. La sottovalutazione delle politiche di genere e della condizione materiale delle donne in Italia ritarda colpevolmente l'individuazione di strumenti e di misure concrete per combattere le diseguaglianze e la violenza contro le donne. È tempo che questi temi diventino realmente una priorità nell'agenda politica del governo”. Per queste ragioni il Coordinamento Donne CGIL Parma e la stessa CGIL provinciale hanno deciso di rilanciare l’appello dell’associazione Donne in rete, e invitano donne e uomini a sottoscriverlo, inviando una mail a direcontrolaviolenza@women.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento