menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli assessori Sassi e Aiello all'inaugurazione

Gli assessori Sassi e Aiello all'inaugurazione

Differenziata, realizzato un nuovo centro raccolta in strada Langhirano

L'impianto, realizzato nella zona sud, si va ad aggiungere agli altri tre già operativi in via Bonomi (Crocetta), in via Toscana e in via Barbacini (Moletolo). Vi potranno accedere solo i residenti con card

La rete dei Centri di raccolta rifiuti presente in città si allarga, grazie al nuovo impianto realizzato nella zona sud che si va ad aggiungere agli altri tre già operativi in via Bonomi (Crocetta), in via Toscana e in via Barbacini (Moletolo). Il nuovo impianto sorge in via Langhirano, all’interno del parcheggio scambiatore sud, ed è stato pensato per migliorare la percentuale di raccolta differenziata, offrendo ai cittadini la possibilità di conferire i rifiuti in un luogo idoneo, e di essere assistiti da personale preparato. L’area è dotata di un impianto di illuminazione e di telecamere di sorveglianza.

Le caratteristiche tecniche
Il Centro di raccolta sorge all’interno del parcheggio scambiatore, su un’area di circa 2 mila metri quadrati, facilmente raggiungibile dalle automobili e lontana dalle abitazioni, riducendo così al minimo ogni possibile disagio per i residenti della zona. Il luogo è stato individuato dall’Amministrazione comunale, mentre la costruzione vera e propria è stata affidata ad Iren-Enìa.

L’area è stata recintata, il perimetro è circondato da una siepe che contribuirà a mitigare l’impatto visivo della struttura, e inoltre sono stati predisposti due accessi: uno per i cittadini che vogliono conferire i rifiuti, e l’altro per i camion utilizzati per le operazioni di carico e scarico dei cassoni. All’interno del centro i cassoni per la raccolta differenziata sono disposti ad un livello ribassato rispetto al piazzale, per rendere più agevoli le operazioni di scarico del materiale da parte dei cittadini. La gestione del Centro sarà affidata a personale adeguatamente preparato per fornire ai cittadini tutte le informazioni sul come e in quali contenitori scaricare il materiale. Per il personale è stato previsto un box prefabbricato dotato di servizi igienici, spogliatoio e doccia.

Nella struttura è stata posizionata una fontana a disposizione degli utenti, è stato realizzato un impianto di pesatura dei materiali conferiti e un impianto dissabbiatore/disoleatore con una vasca di prima pioggia per filtrare eventuali corpuscoli e microelementi presenti nelle acque piovane raccolte nel piazzale.

Chi potrà accedere al Centro
Il Centro di raccolta rifiuti sarà una struttura dedicata alle utenze domestiche, cioè alle famiglie e non alle aziende. L’accesso sarà consentito solamente ai residenti nel comune di Parma che hanno ricevuto la Card Centri di Raccolta, una card personale che consente di accedere ai Centri aprendo la sbarra all’ingresso e quindi di conferire i propri rifiuti dopo averli pesati sull’apposita bilancia elettronica.

I materiali che si possono scaricare
All’esterno del Centro verrà installato un pannello in cui saranno indicati gli orari di apertura e i materiali conferibili, mentre all’interno saranno presenti contenitori per i rifiuti non recuperabili, per le bottiglie di plastica, per gli abiti e le scarpe usate, per la raccolta delle lastre di vetro e per le bottiglie di vetro. Nel dettaglio, all’interno del Centro si potranno scaricare: bottiglie, damigiane, fiaschi, cartoni ondulati, scatoloni, giornali, legno, sfalci, potature, rifiuti ingombranti (letti, materassi, mobili), metalli, inerti (calcinacci, mattonelle, sanitari in ceramica), cassette di plastica e pneumatici. In base a quanto stabilito dal Piano di Tutela delle Acque della Regione Emilia Romagna, nell’area non si potranno conferire rifiuti pericolosi - come batterie, oli esausti e apparecchiature elettroniche – in quanto il Centro insiste su una zona di ricarica delle falde acquifere.

 “Grazie a questo Centro di raccolta rifiuti, che aprirà entro fine settembre-inizio ottobre, Parma viene dotata di quattro punti di conferimento facilmente raggiungibili – sottolinea Cristina Sassi, assessore all’Ambiente - dove i cittadini possono recarsi per conferire rifiuti di varie tipologie. Questo centro è pensato soprattutto per dare risposta alla cittadinanza dei quartieri Vigatto, Montanara e Lubiana. Avrà un orario elastico, con aperture il sabato e la domenica, per meglio rispondere alle esigenze della popolazione. Nel frattempo prosegue anche la progettazione del Centro di raccolta di via Manara”.


“Oggi presentiamo un’opera finita – spiega Giorgio Aiello, assessore ai Lavori pubblici – ben realizzata e studiata nei particolari assieme ad Iren, che fungerà da modello per i futuri centri di raccolta che verranno realizzati in città”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento