rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Cerca di fare entrare uno smartphone in carcere: denunciato familiare di un detenuto

Il parente dell'uomo ristretto in Alta Sicurezza ha cercato di far passare il telefono durante un colloquio: il personale della penitenziaria è riuscito ad intercettarlo

Ha tentato di far entrare uno smarphone all'interno del carcere di via Burla a Parma, durante un colloquio. Il familiare di un detenuto, ristretto nel settore di Alta Sicurezza del carcere parmigiano, è stato identificato e denunciato dal personale della polizia penitenzia che, durante i controlli specifici - proprio per prevenire l'introduzione di oggetti non consentiti all'interno del penitenziario - sono riusciti, grazie all'utilizzo di un dispositivo tecnologico a rilevare la presenza del telefono, nascosto nelle parti intime.

Il segretario locale uspp di Parma ha partecipato direttamente alle operazioni di bonifica, che hanno portato all'individuazione del telefono: "Ringrazio in particolare i miei collaboratori e tutto il personale della polizia penitenziaria di Parma per il lavoro che svolgono quotidianamente. Con questa ennesima operazione si è evitato che fossero portate a compimento ulteriori attività illecite".

Il familiare è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Parma per il reato di 'Accesso indebito a dispositivi idonei alla comunicazione da parte di soggetti detenuti', ovvero il reato previsto dall'articolo 391 ter del Codice Penale, introdotto con il Decreto Legge dell'ottobre 2020. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di fare entrare uno smartphone in carcere: denunciato familiare di un detenuto

ParmaToday è in caricamento