Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Cerca di fare spesa di alcolici gratis per Capodanno: denunciata 40enne

Due persone sono state fermate mentre pagavano due bottiglie di Champagne dalle casse self service con l'etichetta di prodotti meno costosi

I Carabinieri del Comando Provinciale di Parma, a partire dal primo pomeriggio del 31 dicembre e sino alle prime luci del 1 gennaio hanno messo in atto numerosi controlli lungo tutto il territorio provinciale per verificare il rispetto delle normative anticontagio.

L'attività ha visto il coinvolgimento di 200 militari, che hanno controllato circa 180 persone e 110 veicoli. Sono stati effettuati anche numerosi controlli con etilometro: in totale sono state comminate cinque multe per infrazioni al codice della strada.

Ci sono state anche alcune denunce: una 40enne italiana ha cercato di rubare numerose bottiglie di alcolici in un supermercato della città, per trascorrere il Capodanno senza pagare ma è stata fermata dagli addetti alla sicurezza del locale e poi identificata dai carabinieri. Altre due persone, sempre all'interno di un supermercato, sono stati fermati mentre passavano alle casse self service due bottiglie di Champagne con le etichette di altri prodotti meno cari. I due italiani sono stati denunciati per truffa. 

Cinque persone sono state segnalate come consumatori in Prefettira: i carabinieri hanno sequestrato varie dosi di cocaina, hashish, marijuana e crack.

Infine, anche un minore è stato denunciato alla procura per i minorenni di Bologna per possesso di armi da taglio e segnalato alla locale Prefettura per detenzione di stupefacente.

I militari sono intervenuti, poi, in tutta la provincia, per segnalazioni di schiamazzi, discussioni familiari e condominiali a seguito di abuso di alcoolici, per persone presenti in strada in violazione del coprifuoco, per utilizzo eccessivo di artifizi pirotecnici e per alcuni incidenti stradali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di fare spesa di alcolici gratis per Capodanno: denunciata 40enne

ParmaToday è in caricamento