Cft, nessun accordo con l'azienda: stamattina presidio ai cancelli

L'incontro di lunedì pomeriggio in Provincia ha sancito l'impossibilità di arrivare ad un compromesso, la proprietà vuole mettere in mobilità i 36 lavoratori: in risposta nuovi scioperi e una cassa di resistenza

Cft, lavoratori davanti ai cancelli

Vertenza Cft. E' scontro aperto tra la proprietà e i lavoratori. L'incontro di lunedì 5 marzo presso la sede della Provincia in viale Martiri della Libertà ha praticamente sancito l'impossibilità di arrivare ad un accordo che limiti i danni in termini di occupazione. Nessun passo indietro da parte della proprietà che si è limitata a ribadire la volontà di mettere 36 persone, individuate dall'azienda tra operai ed impiegati, in cassa integrazione fino al 31 dicembre 2012. Poi la mobilità e 36 famiglie appese ad un filo. Per come si sono evoluti i fatti fino ad oggi i licenziamenti sono sempre più vicini.

Martedì 6 marzo è stata convocata un'assemblea dei lavoratori che ha deciso per altri scioperi e altre mobilitazioni prima del 15 marzo, giorno del nuovo incontro con la proprietà. Questa mattina dalle ore 8 i lavoratori della Cft ed alcuni componenti del Comitato di solidarietà si sino ritrovati davanti ai cancelli in via Paradigna per manifestare e distribuire volantini agli automobilisti che passavano dalla vicina rotonda. La Fiom ha anche attivato una cassa di resistenza per i lavoratori in sciopero, che hanno già accumulato 30 ore di astensione dal lavoro.  

"Loro, l’amministratore delegato Sommi -si legge in una nota del Comitato di solidarietà- il direttore finanziario Merusi, il direttore del personale Dall’Asta, insieme al Banchini dell’UPI,  non si pongono neppure il problema di confrontarsi su un piano aziendale che affronti le molte questioni aperte: da quella della organizzazione del ciclo produttivo pesantemente compromesso da esternalizzazioni e acquisizioni. Vogliono solo licenziare, licenziare, licenziare. Davanti a tanta arroganza e tracotanza dell’azienda i lavoratori sapranno rispondere con la necessaria determinazione per salvare tutti i posti di lavoro e con essi la Cft., così come alcuni giorni fa la straordinaria lotta dei lavoratori immigrati della Bartolini di Parma ha costretto l’azienda ad accettare tutte le loro rivendicazioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento