menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cgil, i 120 anni al Palazzo del Governatore. Pizzarotti: "Sindacati, maggior collaborazione"

Camusso: "E' essenziale garantire la continuità produttiva del gruppo Riva, non solo per i lavori di quegli stabilimenti, che sono i principali fornitori di acciaio del nostro paese"

Oggi è la giornata delle Celebrazioni per i 120 anni della Cgil di Parma. Interventi di Paolo Barilla: "Abbiamo perso 30 anni. Il prodotto crea innovazione, occupazione, ricchezza", del sindaco Federico Pizzarotti: "Bisogna rimettere in moto la speranza, il lavoro". Il segretario generale della Cgil di Parma Bussandri ha detto: "Dobbiamo andare avanti pensando prima agli ultimi, a chi ha bisogno di aiuto. questo è il nostro compito". Vincenzo Bernazzoli: "A Parma abbiamo perso occasioni importanti come l'Alta Velocità". 

PIZZAROTTI: 'SINDACATI, SERVE MAGGIOR COLLABORAZIONE'. "Il sindacato deve cambiare il suo rapporto con il mondo dell'impresa, serve maggiore collaborazione in questo momento di crisi. Il sindacato deve perseguire gli interessi generali e non quelli, non dico tanto personali, ma puntuali e locali. Non c'é però nessuna contrapposizione con noi - ha aggiunto Pizzarotti - spesso si è citato Grillo ma la questione c'é stata solo quando abbiamo visto una sovrapposizione molto forte fra sindacato e partiti. Il sindacato deve essere sempre terzo, lavorare per portare un beneficio a tutti i lavoratori e non a questa o quella fazione politica, in base alla sua sigla. Si deve lavorare per il bene di tutti".

PAOLO BARILLA: 'NON C'E' TEMPO DA PERDERE'. In questo momento la situazione del nostro paese è grave e non c'é tempo da perdere. Il ministro dell'agricoltura dice invece che deve studiare. Non si devono fare compromessi sulla competenza, è il nostro peccato mortale. Cerchiamo la strada della competenza dove la competenza ha bisogno di una selezione e la selezione del merito".

CAMUSSO: GOVERNO LETTA"In questo momento l'impegno fondamentale è l'accordo sulla democrazia e la rappresentanza, intesa che stiamo discutendo con Confindustria e che mi auguro si definisca perché sarebbe davvero un cambiamento storico". Questo il primo obiettivo per Susanna Camusso. "Accordo importante - ha concluso - perché determinerà chi rappresenta chi e soprattutto la validazione degli accordi attraverso le organizzazioni dei lavoratori"

Il governo Letta "continua a sostenere la politica del lavoro nel suo programma. Le affermazioni fatte di per sé sono importanti, ora vorremmo capire come concretamente si realizzano. Se il messaggio che sentiamo in questi giorni è che si dovrebbe aumentare la flessibilità mi pare non sia la strada giusta per dare un futuro al lavoro, un futuro al lavoro dei giovani. Un futuro al lavoro lo si dà prima di tutto chiudendo una stagione molto negativa che è stata quella dell'austerità e del rigore - ha aggiunto - ripartiamo dal terreno degli investimenti e della creazione di nuovi posti di lavoro utilizzando tutte le risorse che ci sono e ridistribuendo il reddito che in questi anni si è concentrato in poche proprietà a scapito della maggioranza".

CAMUSSO: FEMMINICIDIO. "Sono profondamente indignata dallo spettacolo di ieri di una Camera deserta in cui si discute di un tema che sta attraversando in modo così pesante il nostro paese". Così il segretario generale della Cgil Susanna Camusso ha commentato il dibattito di ieri in Parlamento sul tema del femminicidio e la ratifica della convenzione di Istanbul. "E' cronaca di ieri di violenza efferata e straordinaria che nessuno di noi avrebbe voluto leggere. Il fatto che troppi parlamentari abbiano ritenuto di non esserci indica una distanza con i veri temi del paese. Mi auguro che comunque venga approvata la convenzione di Istanbul che è la premessa per andare a definire una serie di leggi di cui il paese ha bisogno per ripristinare un clima di rispetto tra uomini e donne che oggi ancora non c'é".

CAMUSSO: ILVA. E' essenziale garantire la continuità produttiva del gruppo Riva, non solo per i lavori di quegli stabilimenti, che sono i principali fornitori di acciaio del nostro paese, ma per la tenuta di tutto un tessuto produttivo che è già fortemente provato dalla crisi". E' l'auspicio, per la vicenda dell'Ilva di Taranto, del segretario della Cgil Susanna Camusso, a Parma per i 120 anni della Camera del lavoro locale. "Credo lo si possa fare - ha aggiunto - attuando la legge che prevede vincoli rispetto all'ambiente e che permette gli investimenti attraverso quello che potremmo chiamare un commissariamento straordinario in grado di garantire la continuità produttiva e gli impegni presi per il risanamento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, aumentano i ricoverati al Maggiore: "Giovani vettori del virus"

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento