menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cgil, tesseramento 2014: 74 mila e 600 iscritti, flessione dello 0,59%

La Camera del Lavoro territoriale chiude il tesseramento 2014 con una flessione complessiva dello 0,59%. Questo dato, se confrontato con i dati dell'OML provinciale, risulta coerente con la dinamica del territorio

Il 2014 è stato per il territorio parmense un altro anno irto di difficoltà sul piano del lavoro, caratterizzato da un decremento percentuale dell’occupazione. I report dell’OML della Provincia ci confermano dati che empiricamente la CGIL di Parma esperiva sul campo: calo nel settore manifatturiero, alimentare, nella meccanica generale (metallurgica), nel settore trasporti e logistica, nelle costruzioni, nei servizi rivolti alle imprese (attività immobiliari, informatica, ricerca e servizi). Recuperano invece la meccanica strumentale, il commercio all'ingrosso e dettaglio e, anche se con incrementi minimi, il settore alberghi e ristorazione. Significativo l’aumento nel settore farmaceutico. La carenza di lavoro si scarica prevalentemente sui lavoratori di cittadinanza straniera, che diminuiscono complessivamente dell’1,43% sugli attivi.

A questo quadro si aggiunge un non diminuito ricorso agli ammortizzatori sociali, specie in deroga (questi in crescita), fenomeno che ben esprime la incapacità delle imprese di superare la crisi con gli strumenti ordinari e la tendenza a soluzioni di chiusura per esaurimento degli ammortizzatori stessi. Mentre il tasso di disoccupazione a Parma è passato dal 7,5% al 7,6% nel 2014. In questo contesto la Camera del Lavoro territoriale chiude il tesseramento 2014 con una flessione complessiva dello 0,59%. Questo dato, se confrontato con i dati dell'OML provinciale, risulta coerente con la dinamica del territorio e se ne trova la conferma nei dati di dettaglio. La flessione del 1,22% sugli attivi trova le sue ragioni nella definitiva chiusura di realtà aziendali medio-piccole o micro-imprese artigiane per esaurimento degli ammortizzatori, nella cessazione al diritto alle disoccupazioni per esaurimento della durata e nelle mancate nuove assunzioni. Considerando il dato dei nuovi iscritti 2014, va sottolineato il buon risultato della Filctem (vetro-chimico-energetico, +34,07% di nuovi iscritti), seguita dalla Filt (trasporti, +8,97%) e dalla Funzione Pubblica (+8,01%), che sono riuscite a cogliere nuove opportunità e ad interpretare le vertenzialità di diverso segno che hanno interessato questi settori. In termini assoluti i migliori risultati sono della Filcams (commercio e servizi, +1,56) e della Flc (scuola, Università e ricerca, +1,73%). Rassicura, a fronte di continui interventi normativi che negli ultimi anni hanno fortemente contenuto i pensionamenti, la sostanziale tenuta dello SPI, che conta poco meno di 40mila iscritti.

Il dato percentuale generale relativo agli iscritti 2014 sul 2013, che registra un -0,59%, rappresenta in buona sostanza un segno di tenuta, collocandosi sotto il punto percentuale, e –secondo il segretario generale Massimo Bussandri- “evidenzia la capacità della CGIL di captare i nuovi bisogni di lavoratrici e lavoratori in un contesto in cui non solo viene richiesta la tutela nel luogo di lavoro, esposto a rischi anche per il susseguirsi di disposizioni legislative penalizzanti per il lavoratore (v. Jobs Act), ma anche una consulenza a 360 gradi su tutti i problemi che le persone affrontano ogni giorno con mezzi sempre più risicati”. Nel corso del 2014 per dar voce a questi bisogni la Camera del Lavoro di Parma ha riorganizzato in modo più efficiente i servizi fiscali e di patronato, lavorando nell'ottica di una sempre maggiore integrazione con le categorie, che ha trovato un'ottima accoglienza da parte degli iscritti e non solo. Il rafforzamento dello sportello Microcredito, lo sportello Diritti, il progetto di tutela sul danno biologico sono riposte alle domande di coloro che non solo non possono affidarsi a consulenti o legali ma che soprattutto ritengono la CGIL capace di esercitare una tutela individuale tarata sulle persone con grande attenzione e professionalità.

“Importante e prezioso per la tenuta complessiva del tesseramento -continua Bussandri- è stato l'impegno della CGIL nella lunga battaglia per i diritti e la dignità del lavoro e per la difesa del nostro modello di welfare, sia a livello nazionale che a livello locale. Prova ne sia la grande partecipazione alle manifestazioni e agli scioperi che la CGIL ha messo in campo”. A questo quadro vanno aggiunti 38 presidi sul territorio, 4 Camere del lavoro di zona, 10 leghe Spi, che assicurano una capillarità ed una presenza costante che poche organizzazioni riescono a vantare e costituiscono un osservatorio privilegiato sul mondo del lavoro ed un centro di elaborazione di programmi e piattaforme che hanno lo scopo di acquisire nuovi diritti e di contrastare gli effetti distorsivi delle varie legislazioni sul lavoro che gli ultimi governi hanno prodotto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento