Partecipate, Ciclosi riduce i compensi del 30%:intanto Alfa fallisce

La rivoluzione che il commissario straordinario sta operando ha portato sinora a una riduzione delle spese, a meno rappresentanti del Comune nei cda e si è passati da una a tre donne ai vertici societari

Questo il quadro della situazione delle società partecipate a maggioranza comunale, per le quali si è proceduto al rinnovo dei cda, a seguito dell’intervento voluto dal commissario straordinario del Comune di Parma Mario Ciclosi che, nel dicembre 2011, ha ridefinito tramite delibera gli indirizzi per la governance delle società, delle aziende e degli enti partecipati.

Particolare attenzione è stata posta soprattutto alla disciplina delle attività degli amministratori per garantire trasparenza, eliminazione delle incompatibilità e costante rotazione degli incarichi. In particolare, la delibera stabilisce che la designazione e le nomine degli amministratori in organi delle società devono essere attuate mediante esperimento di avvisi pubblici, salvo ben definite esigenze.

L'ALBO DELLE CANDIDATURE - A gennaio, pertanto, si è aperto il bando per la presentazione da parte degli interessati delle candidature ed è stato creato un apposito Albo, dal quale sono stati attinti i nuovi rappresentanti del Comune nei diversi Cda, tranne che per quello di STT, che per la specificità della situazione e la complessità delle sue competenze ha richiesto una specifica ricerca.

IL FALLIMENTO DI ALFA, IOTTI: "LA FINE DELLA SCATOLA CINESE CREATA DA COSTA E VIGNALI"

TRE DONNE AI VERTICI - Tre le donne chiamate ai vertici di altrettante società – Rossella Saoncella amministratore unico a Parma Infrastrutture, Eugenia Monegatti presidente di Engioi, Maria Cristina Saccani presidente di Parma Gestione Entrate – di contro all’unica donna presidente nei precedenti cda - Paola Colla ad Ade. Da ricordare che su 337 candidature pervenute, solo 83 sono state presentate da donne.

MENO AMMINISTRATORI - Dopo il rinnovo dei consigli di amministrazione, scendono da 33 a 20 i rappresentanti dell’Amministrazione nei cda di 11 partecipate: Ade, It.City, Infomobility, Parma Infrastrutture, Engioi, Stu Pasubio, Parma Gestione Entrate, Metro Parma (società indiretta), Parma Sviluppo (società indiretta), STT, CAL. Di queste, 4 società - Ade, It.City, Infomobility, Parma Infrastrutture - passano all’amministratore unico, e 2 - Metro Parma e Parma Sviluppo - sono in fase di liquidazione.

TAGLIATE LE SPESE PER I COMPENSI DI OLTRE IL 30% - Cala, conseguentemente, anche la spesa per i compensi di questi amministratori: si scende da 363.912 euro a 242.798 euro. Un "taglio" che consentirà di risparmiare oltre il 30% rispetto alla situazione precedente (il dato è riferito alle società sopra elencate, tranne Parma Gestione Entrate e Stt, i cui compensi per i Cda che verranno definiti nei prossimi giorni).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento