Circo, gli animalisti? Protesteranno 'a sorpresa' e senza autorizzazione

Il gruppo Animals Freedom ha comunicato di voler organizzare una protesta non autorizzata e non dichiarata contro il circo nell'area Ravadese. Non si sa il giorno, cresce la tensione: già 110 adesioni su Facebook

La protesta contro il circo l'anno scorso

Il circo Martini va avanti. E dovrebbe durare, secondo il programma, fino al 22 ottobre. Anche se il Tar ha respinto il ricorso contro l'ordinanza emessa dal sindaco Federico Pizzarotti. Gli animali in scena ci sono. Saranno comunque i verbali redatti dai vigili a confermare o meno la violazione dell'ordinanza.  Ma intanto pende anche la richiesta di sospensiva dell'ordinanza di Pizzarotti, fatta dai titolari al Prefetto di Parma.

IL SONDAGGIO: CIRCO SI' O CIRCO NO?

Ogni sera i vigili urbani e le forze dell'ordine sorvegliano l'area del circo per cercare di capire se l'ordinanza verrà violata e per il timore di proteste da parte dei gruppi animalisti. Che protesteranno invece a sorpresa. Lo hanno annunciato su Facebook gli attivisti dopo l'avvio degli spettacoli. Probabilmente sceglieranno un giorno del fine settimana, quando molte persone che si recheranno al circo, ma il giorno preciso non si sa. Le motivazioni? "Dato che il circo può fare quello che vuole, organizzeremo una protesta non dichiarata e non autorizzata. La decisione è stata presa dal gruppo Animals Freedom". Il numero di partecipanti virtuali all'evento è di 110 persone.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Ecco cosa si può fare da lunedì 11 gennaio a Parma

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Dal 16 gennaio Parma rischia la zona rossa

Torna su
ParmaToday è in caricamento