Cronaca

Città di Parma: 250 lavoratori senza stipendio. Chiesto tavolo di crisi

I sindacati protestano dopo essere venuti a conoscenza della situazione. "Si manifesta disponibilità ad un dialogo costruttivo e fattivo, che deve partire dalla salvaguardare dei diritti di oltre 250 lavoratori"

"Le segreterie provinciali Fp Cgil Sanità e Cisl Fpl -si legge in una nota- sono venute a conoscenza nei giorni scorsi della mancata erogazione degli stipendi e compensi relativamente al mese di ottobre a tutti i dipendenti e collaboratori della Casa di Cura “Città di Parma”. Considerato che tale azione sarebbe derivata da problematiche in essere tra la struttura stessa ed Istituti di Credito, nell'esprimere forti perplessità e timori sulla scelta attuata dalla Direzione della struttura che va a penalizzare esclusivamente le maestranze, Maurizio Miati (FP CGIL) e Michele Morfini (CISL FP), preoccupati dalla situazione economica-finanziaria della struttura che risulterebbe essere non florida, hanno chiesto urgentemente di attivare un tavolo di crisi in sede istituzionale presso l'Unione Parmense Industriali.

"FP CGIL e CISL FP intendono impegnarsi per individuare tutte le possibili soluzioni alternative al fine di permettere quanto prima il saldo del dovuto ai lavoratori, ritenendo che eventuali problematiche gestionali non possano e non debbano ricadere esclusivamente su coloro che quotidianamente spendono la loro professionalità per fornire prestazioni adeguate all'utenza. Nonostante in questi anni non si siano intrattenute relazioni sindacali istituzionali, non sicuramente per causa delle organizzazioni di categoria, si manifesta disponibilità ad un dialogo costruttivo e fattivo, che deve partire dalla salvaguardare dei diritti di oltre 250 lavoratori".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città di Parma: 250 lavoratori senza stipendio. Chiesto tavolo di crisi

ParmaToday è in caricamento