Lavori in Cittadella, sopralluogo di Pizzarotti e Folli: 'Non c'è stata superficialità'

Il sopralluogo di Pizzarotti, Folli e Alivi per prendere visione dei lavori di manutenzione. Presto una parte dell’ex Ostello verrà restituita alla città

"Cosa succede in Cittadella? -si legge in una nota del Comune. Dopo le polemiche che hanno accompagnato i lavori di manutenzione, l’Amministrazione ha deciso di fare un’operazione trasparenza con la visita guidata alla stampa, alla presenza del sindaco Federico Pizzarotti e degli assessori Michele Alinovi e Gabriele Folli, accompagnati dai tecnici che hanno progettato e seguito l’intervento. “Con questa opera di manutenzione – ha detto il sindaco – abbiamo messo mano alla Cittadella, che ha bisogno di cure dopo anni di abbandono. La riqualificazione del patrimonio arboreo è solo un primo passo di un intervento che coinvolgerà l’ex Ostello. Investiamo per lo sport in libertà, e ci fa piacere averlo fatto tramite un intervento anche di valenza sociale”.

Per i lavori di riqualificazione del verde della Cittadella, che sono ormai giunti a conclusione, il Comune ha stanziato circa 200 mila euro. L’intervento è stato realizzato da personale del Consorzio di solidarietà sociale, e ha permesso a 20 lavoratori di essere impiegati utilmente nell’attività di pulizia del parco.

“Non abbiamo improvvisato nulla – ha precisato l’assessore Gabriele Folli – l’iter è stato seguito da una società specializzata. Si è trattato di un grosso lavoro necessario di pulizia e sicurezza. Non c’è stata né superficialità né sottovalutazione. Crediamo anzi che possa esserci apprezzamento per il lavoro effettuato”. “La Cittadella – ha sottolineato l’assessore Michele Alinovi – è un monumento storico, salvaguardato dai beni culturali, minacciato dalla presenza di essenze infestanti, che avrebbero potuto danneggiare le mura della fortezza. Per questo siamo intervenuti sulla base di precisi riscontri tecnici e con il parere positivo della Consulta del Verde, che ci ha affiancato nel seguire i lavori. Abbiamo anche eliminato da bassure e rampari alberi vecchi e malati per la salvaguardiadella pubblica incolumità”.

I principi che hanno informato l’intervento sono dunque quelli di sicurezza, decoro e igieneambientale. Maggiore sicurezza sarà garantita ai frequentatori del Parco dal momento che sono stati eliminati tutti gli alberi malati e la vegetazione infestante. In tutto sono stati tagliati 280 alberi, di questi il 75% presentava patologie irreversibili, il restante 25 % è stato tagliato in quanto costituiva un pericolo potenziale per le mura monumentali della fortezza farnesiana

L’azione di ripulitura – dettata da necessità di salvaguardia del monumento e di evitare pericolo di crolli – ha prodotto effetti anche dal punto di vista del decoro e della gestione della sicurezza pubblica. Infatti, sicurezza significa anche possibilità delle forze dell’ordine di controllare il Parco in modo più accurato che in passato: oggi, infatti, all’interno della Cittadella è più difficile, per i male intenzionati, compiere atti contrari alla legge. Non è un caso che nelle operazioni di pulizia siano state raccolte circa 200 siringhe, a cui si aggiungono deiezioni, anche umane, e rifiuti come cartacce e bottiglie. In tutto sono stati ripuliti 3 mila metri quadrati di verde che in primavera si presenteranno sotto una veste nuova e ordinata. 

L’intervento ha inteso garantire maggiore decoro all’area anche attraverso la sistemazione dei giochi bimbi e la potatura dei tigli e dei platani che si trovano lungo i camminamenti in corrispondenza dei viali sopraelevati dei bastioni e di quello più basso a livello del prato centrale. Le potature e gli abbattimenti degli alberi hanno interessato i rampari, la vegetazione delle parti basse e le alberature dei viali. Inoltre l’Amministrazione ha pianificato la sistemazione delle panchine. E’ stata sistemata anche la staccionata in legno che percorre, nell’anello alto, tutto il perimetro della fortezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La manutenzione del verde ha anche dei risvolti legati agli aspetti igienico sanitari dal momento che, anche grazie alla collaborazione di Iren, è stata ripulita interamente l’area intorno all’edificio parzialmente ristrutturato (ex ostello), rendendo tutta l’area, fino ad oggi interclusa attorno ad esso, già ora disponibile ai frequentatori del Parco. A questo proposito, l’assessore Alinovi ha annunciato che presto si metterà mano all’ex Ostello, il cui cantiere è fermo da anni. Per ultimare il lato sud dell’edificio, che diventerà un centro socio-culturale, un bello spazio a diposizione delle famiglie e dei frequentatori del parco è previsto per quest’anno uno stanziamento di 400.000 euro. Ne resteranno a disposizione altri 500.000 provenienti dai fondi dello Stato “ex Metro”, che verranno utilizzati per la riqualificazione dello spazio esterno adiacente all’Ostello, il cui completamento sarà realizzato successivamente in convenzione con soggetti privati, se si renderanno disponibili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento