menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Citterio, Rete Ambiente: "Motore rotto. Si alzano i rischi di inquinamento ambientale"

Con la nota del coordinantore Rete Ambiente Parma, apprendiamo che il motore del nuovo cogeneratore dell'azienda Citterio a Poggio S.Ilario si è danneggiato. "Il danneggiamento al motore -spiega Serioli di Rete Ambiente - costituisce un problema ambientale per i cittadini"

Con la nota del coordinatore Rete Ambiente Parma, apprendiamo che il motore del nuovo cogeneratore dell'azienda Citterio a Poggio S.Ilario si è danneggiato. L'impianto della nota azienda produttrice di salumi, al centro di varie polemiche legate all'inquinamento atmosferico, trasforma gli scarti provenienti dalla lavorazione dei suini in energia elettrica.  "Il danneggiamento al motore -spiega Serioli di Rete Ambiente - costituisce un "problema ambientale per i cittadini" in quanto  un motore costretto a girare in condizioni di difficoltà porterebbe ad "emissioni di ossidi di azoto e metalli pesanti  totalmente fuori controllo". Il comitato richiede l'intervento di Provincia e Arpa.

NOTA DI RETE AMBIENTE - CITTERIO, FERMI TUTTI- "Da un mese il cogeneratore Citterio si legge in una nota di Giuliano Seriloli di Rete Ambiente Parma- è fermo e dalla ciminiera non esce fumo. Da quello che trapela pare che l'azienda sia stata costretta a intervenire pesantemente sul motore, cambiando pistoni e camere di scoppio a causa di un grippaggio.

Evidentemente il trattamento chimico del grasso con tensioattivi capaci di separare acidi grassi e trigliceridi, non è stato sufficiente a garantire una combustione efficiente. Infatti è la presenza del fosforo a corrodere le parti meccaniche.E nel grasso ce n'è in abbondanza sotto forma di fosfolipidi.

Ingegneri del settore affermano che motori che bruciano grasso raggiungono l'efficienza massima a 500 ore di funzionamento, dopo di che si avvia la degenerazione della combustione ad opera dei fosfolipidi, con la corrosione di valvole ed iniettori fino alla corrosione totale di camera di scoppio e pistoni.

E' proprio il caso del cogeneratore Citterio. Un problema non solo tecnico, che non incide solo sulle finanze dell'azienda, costretta anche a pagare penali a Enel Energia per la mancata immissione di elettricità, come da accordi col GSE.

Il problema riguarda i cittadini ed è soprattutto ambientale. Le emissioni di un cogeneratore che brucia sempre peggio e che alla fine raggiunge il grippaggio non sono certo quelle dichiarate nella relazione tecnica e approvate in conferenza dei servizi. L'emissione di ossidi di azoto e metalli pesanti è totalmente fuori controllo.

Anche la produzione e l'emissione di idrocarburi policiclici aromatici (Ipa) raggiunge picchi preoccupanti per la salute dei cittadini. E' per tutta questa serie di problematiche che si chiede che Provincia ed Arpa intervengano a bloccare la ripartenza del cogeneratore. Che si controlli ciò che accaduto nell'impianto. Il software di monitoraggio di funzionamento e emissioni è pronto a rispondere"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Salute

Come calcolare l'Indice di Massa Corporea

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento