menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sgominato il clan Kasa, raffinavano eroina e cocaina, sequestrati 80 chili: Parma era la base operativa

In un garage nel quartiere Sorgenti a Livorno i due fratelli, a capo di un'organizzazione criminale di stampo famigliare, avevano impiantato una vera a propria raffineria: riforniva tutta la Toscana e l'Emilia-Romagna

Avevano inondato di droga, eroina e cocaina, la Toscana - da Livorno a Pisa, da Massa a Prato fino a Firenze – e l’Emilia, ove avevano base operativa a Parma. Un’organizzazione criminale, un vero e proprio clan di stampo familiare e che aveva nei due fratelli Kasa, Skhelzen e Kastriot, i capi indiscussi. Per conquistare il mercato in Toscana, territorio dove avevano deciso di espandere i propri affari illeciti, i due fratelli avevano creato una base operativa per i loro traffici a Livorno. In un garage nel quartiere Sorgenti era stata impiantata una vera a propria raffineria per il confezionamento dello stupefacente: all’interno del box lontano da occhi indiscreti la droga durante la notte gli uomini dell’organizzazione armati di frullatore (per polverizzare la sostanza grezza), pressa (per creare i panetti) e sostanza da taglio confezionavano lo stupefacente diretto alle piazze di spaccio di tutta la Toscana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto: da Parma nuovi voli verso Olbia

Ultime di Oggi
  • Sport

    Altro tonfo, il Parma perde partita e speranze di salvarsi

  • Cronaca

    Covid, salgono i contagi: quasi 200 in 24 ore

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento