Risse e clienti pregiudicati per armi e droga: chiuso un bar in via Trento

Il 13 gennaio un cliente era stato picchiato con delle spranghe di metallo e inseguito in strada dai suoi aggressori

Nella mattinata di oggi, sabato 19 gennaio, a seguito di una serie di controlli ai clienti del bar “Break in panino” di via Trento, il Questore di Parma ha firmato il provvedimento amministrativo per la sospensione di 15 giorni dell'autorizzazione per la somministrazione di alimenti e bevande al titolare del bar. 

Il provvedimento, che ha come finalità la tutela dell’ordine pubblico, ha avuto origine da numerosi controlli avvenuti tra il 2017 ed il 2018: sono stati identificati diversi pregiudicati, alcuni dei quali con gravi precedenti di polizia in materia di armi e stupefacenti nonché irregolari sul territorio nazionale.  Il bar in questione, inoltre, è stato anche teatro di alcuni episodi di violenza che hanno messo in pericolo l’ordine e la sicurezza pubblica. Ultimo, in ordine di tempo, la lite scoppiata il 13 gennaio scorso quando un cliente è stato colpito con dei bastoni metallici ed addirittura inseguito lungo la strada. Trasportato al Pronto Soccorso ha avuto 15 giorni di prognosi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso di un precedente intervento delle Volanti, sempre per lite, una persona era stata poi denunciata poichè trovata in possesso di un coltello a scatto con lama di 10 centimetri. Di qui la necessità della misura cautelare adottata dal Questore di Parma la cui finalità non è sanzionare la soggettiva condotta del gestore del pubblico esercizio per avere consentito la presenza nel proprio locale di persone potenzialmente pericolose per l'ordine pubblico, ma soprattutto quella di impedire, attraverso la temporanea chiusura del locale, il protrarsi di una situazione di pericolosità sociale, ragion per cui si ha riguardo esclusivamente all'obiettiva esigenza di tutelare l'ordine e la sicurezza dei cittadini, anche a prescindere da ogni personale responsabilità dell'esercente.  Il provvedimento del Questore è stato eseguito dal personale della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale della Questura, con l’apposizione del relativo cartello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Coronavirus, tre decessi a Parma e 18 casi in più

Torna su
ParmaToday è in caricamento