menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colorno, atti sessuali con due bimbe minori di 10 anni: in manette 36enne, condannato a 9 anni

I fatti alla base della sentenza di condanna sono avvenuti tra dicembre 2009 e giugno 2010, quando il 36enne ghanese, approfittando dell’assenza e della buona fede della sua vicina di casa, aveva compiuto atti sessuali con le due figlie minori della donna. I Carabinieri lo hanno arrestato il 9 novembre

Ieri pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Colorno hanno eseguito un ordine di carcerazione, emesso dal Tribunale di Parma, associandolo un 36enne ghanese presso la casa circondariale di Parma perché condannato, con sentenza definitiva, a 9 anni di reclusione. I fatti alla base della sentenza di condanna sono avvenuti tra dicembre 2009 e giugno 2010, quando il 36enne, approfittando dell’assenza e della buona fede della sua vicina di casa, aveva compiuto atti sessuali con le due figlie minori della donna. 

Il comportamento delle bambine, entrambe di età inferiore ai 10 anni, ed i loro racconti hanno insospettito la giovane mamma che, nel giugno del 2010, si è rivolta ai Carabinieri della Stazione di Colorno per denunciare l’accaduto. La Procura della Repubblica di Parma, informata nell’immediatezza della denuncia-querela della donna, ha assunto la direzione delle indagini e, tramite i Carabinieri della locale Stazione, ha avviato approfonditi accertamenti grazie ai quali sono state raccolte prove inconfutabili a carico dell’arrestato che, al termine di quattro anni di processo, è stato condannato a 9 anni di reclusione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento