menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Garibaldi, domani Parma ricorda l'Eccidio dei sette martiri

Dalle 10 sotto i Portici del Grano, alla presenza delle autorità cittadine e delle associazioni partigiane, la commemorazione della strage del 1944: la lapide è posta sotto il Palazzo del Governatore

Domani mattina alle ore 10.00 presso i Portici del Grano Parma ricorda l'Eccidio di Piazza Garibaldi. In seguito il corteo raggiungerà il Palazzo del Governatore dove è posta la lapide. La città ricorda i suoi sette martiri: Giuseppe Barbieri (Parma, 30 anni), Vincenzo Ferrari (Parma, 41 anni), Gedeone Ferrarini (S. Pancrazio, 39 anni), Afro Fanfoni (S.Secondo, 40 anni), Eleuterio Massari (Parma, 42 anni), Ottavio Pattacini (Sant'Ilario d'Enza, 38 anni) e Bruno Vescovi (Parma, 19 anni): hanno pagato con il sacrificio della vita il coraggio di dire ‘no’ alla dittatura fascista e all’oppressore nazista.

"Le settimane che accompagnarono la fine dell’estate del 1944 rappresentarono uno dei momenti più dolorosi e tragici della guerra per il movimento di liberazione antifascista e per la città. Il 31 agosto un nucleo partigiano uccise in run agguato due esponenti della brigata nera cittadina provocando la reazione, immediata e violenta, dei fascisti locali.

Uomini in divisa nera percorsero in formazione il quartiere popolare dell’Oltretorrente, seminando terrore e distruggendo numerosi esercizi pubblici perché frequentati da antifascisti in piazzale Corridoni nella centralissima via M. D’Azeglio. Durante quella tragica spedizione perse la vita Cleonice Cavalca, colpevole di essersi affacciata alla finestra di casa al passaggio dei fascisti. Nelle stesse ore squadre di brigatisti neri “attaccarono” le case comunali in via Venezia (capannoni del Cristo) dove presumevano abitassero alcuni dei partigiani che avevano partecipato all’azione del pomeriggio sparando sulle case dal terrapieno della ferrovia, ferendo diversi abitanti e alcuni in modo grave.

Ma il peggio doveva ancora accadere. Quella notte dalla “caserma” di via Walter Branchi ormai affollata di antifascisti e di loro famigliari, sequestrati e segregati nel corso di quelle settimane, vennero prelevati sette prigionieri e trascinati, già moribondi per le percosse subite durante la detenzione, in piazza Garibaldi. Nel silenzio, alla sola presenza delle autorità tedesche e fasciste, i sette vennero finiti a colpi d’arma da fuoco. I loro corpi furono trasportati, notte tempo, al cimitero della Villetta dove furono abbandonati davanti al cancello d’ingresso fino alla mattina successiva.

Il 1° settembre in Piazza Garibaldi, dinanzi all’ingresso del Palazzo del Governatore, come ogni anno verrà ricordato il sacrificio dei partigiani prelevati dalla caserma e dalla sede della brigata nera e trucidati per rappresaglia dai nazifascisti, dopo atroci sevizie, nella notte del primo settembre 1944, i cui corpi martoriati furono trasportati da Piazza Garibaldi e lasciati davanti alla Villetta come barbaro monito di ciò che poteva accadere agli oppositori del regime".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento