Concorso Georientiamoci: il collegio di parma assegna 4 borse di studio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Sono state assegnate dal collegio geometri di Parma a quattro ragazzi iscritti al primo anno di istituti Cat - Geometri borse di studio per un valore di 250 Euro ciascuna nell'ambito del concorso del progetto Georientiamoci promosso dalla Fondazione Geometri Italiani. Il concorso era iniziato lo scorso anno scolastico tra gli studenti della terza media intenzionati a frequentare il percorso di studio che consente di accedere alla professione di geometra. I ragazzi dovevano presentare un lavoro, in immagini o testo, nel quale esprimevano la loro visione del futuro nella professione che avevano scelto.

I vincitori sono quattro studenti dell'Istituto ITG C. Rondani di Parma:
- Andrea Becrelli che si è aggiudicato la borsa di studio con il racconto dal titolo "Come immagini il tuo futuro professionale da geometra in relazione all'edilizia rurale? Immagina di dover recuperare un edificio esistente o parte di esso";
- Edoardo Ceresini con il racconto "Come immagini il tuo futuro professionale di geometra in relazione a come vorresti recuperare una parte della tua abitazione o di un'altra che conosci";
- Giorgia Ierardi con il testo "Racconta come immagini il tuo futuro da professionista geometra";
- Michele Quaranta con il racconto "Come immagino il mio futuro da professionista geometra".

A livello nazionale, la Fondazione Geometri Italiani ha assegnato 50 borse di studio per l'acquisto di libri e materiali, valutando 351 elaborati provenienti da tutta Italia, tramite una commissione composta da suoi rappresentanti e da membri del ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, di Ellesse Edu e Diesis Group.

Interessante notare il crescente numero di donne che sta scegliendo la carriera di geometra: un terzo dei partecipanti al concorso sono infatti ragazze.

Torna su
ParmaToday è in caricamento