Usura, commerciante 43enne condannato a tre anni di reclusione

Pietro Benecchi era stato arrestato nell'ottobre scorso nell'ambito dell'operazione "Barracuda" con la quale i carabinieri sgominarono un giro di usura. Interessi fino al 120% per le vittime

Giudice

Pietro Benecchi, commerciante parmigiano di 43 anni, ha patteggiato 3 anni di reclusione e un'ammenda di 6mila euro davanti al gup Alessandro Conti. Benecchi era stato arrestato insieme ad altre otto persone il 22 ottobre scorso nell'ambito dell'operazione "Barracuda" con la quale i carabinieri hanno sgominato un giro di usura. Degli altri otto, in quattro hanno chiesto il rito abbreviato e gli altri saranno rinviati a giudizio.

IL FATTO
Dal 2005 la banda di strozzini dava soldi a commercianti e imprenditori con tassi che arrivavano fino al 120%. Dopo la denuncia di una delle vittime, ormai ridotto alla fame, i carabinieri hanno ricostruito la fitta rete messa in piedi dagli usurai e nell'ambito dell'operazione "Barracuda" hanno arrestato nove parmigiani. Di questi solo due sono agli arresti domiciliari. Quindici, per ora le vittime accertate, ma secondo gli inquirenti potrebbero essere molte di più. Il giro d'affari era milionario. Ieri sono stati sequestrati beni per 300mila euro, tra cui un appartamento e quattro auto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basket in lutto: muore la 18enne Alessia Zambrelli

  • Violenta una bimba di 8 anni nel suo negozio: arrestato commerciante 37enne

  • Terrore in A1, auto si schianta e si incendia vicino al treno deragliato: muore una 21enne parmense

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • "Furti nel parmense: attenti alla banda di ladri che gira a bordo di una Giulietta"

  • "Addio Alessia, che tu ora possa trovare la serenità"

Torna su
ParmaToday è in caricamento