Cronaca

Confesercenti: "E' una falsa zona gialla"

Il direttore Vinci: "Rimangono inoltre inascoltate le nostre richieste per ottenere i giusti sostegni e ristori più volte promessi e mai ottenuti"

"Di per se il ritorno alla zona gialla sarebbe un segnale positivo per le nostre attività se solo non fossero stati introdotti nell’ultimo decreto legge nuovi vincoli e limiti per le tante attività economiche interessate". Così il direttore di Confesercenti Parma, Antonio Vinci, attacca il Decreto legge che autorizzerà lunedì 26 aprile il passaggio in zona gialla di Parma e provincia. "Come è emerso durante la manifestazione dei pubblici esercizi in Piazza Garibaldi ‘Non siamo Fantasmi’ oltre la metà dei ristoranti, bar e pubblici esercizi di Parma e Provincia non potranno riaprire lunedì 26 aprile, perché non avendo spazi all’aperto, non avranno la possibilità di servire clienti. Di fatto per questi locali essere in zona rossa, arancione o gialla sarà del tutto indifferente: dovranno restare chiusi e limitarsi all’asporto o al delivery. Rimane poi inalterata la chiusura dei negozi all’interno dei centri commerciali nel fine settimana. Una decisione, quest’ultima, del tutto inattesa che va a gravare ulteriormente su un settore fortemente compromesso da chiusure straordinarie che si protraggono da oltre un anno. Altro problema non marginale è rappresentato dal coprifuoco sino alle ore 22 che di fatto limita molto la possibilità del servizio serale e penalizza ulteriormente tutte quelle attività, soprattutto della nostra provincia, che difficilmente verranno raggiunte, a meno di proroghe di orario, da clienti provenienti dalla città".

"Questo ultimo decreto legge rappresenta un timido passo in avanti per pochi e il perdurare di una dura punizione per tanti altri imprenditori. Le nostre aziende - dice Vinci - chiedono di poter lavorare con prospettiva e certezze. Rimangono inoltre inascoltate le nostre richieste per ottenere i giusti sostegni e ristori più volte promessi e mai ottenuti. Per questi motivi Confesercenti sarà ancora più incisiva all’interno dei tavoli istituzionali per dare voce alle richieste delle nostre imprese. Tornando alla manifestazione di ieri mi preme ringraziare i tanti amministratori locali, chi in presenza e chi a distanza, che ieri hanno voluto testimoniare il loro appoggio e il loro sostegno alle nostre richieste. In particolare il Sindaco di Parma Pizzarotti, l’Assessore Casa e il Sindaco di Fidenza Massari che hanno annunciato la gratuità della Cosap (tassa di occupazione suolo pubblico, ndr) fino a fine 2021, indipendentemente dalle decisioni del Governo. E’ un ottimo segnale da parte dei nostri amministratori, un effetto positivo del dialogo di confronto franco e aperto che Confesercenti Parma costantemente mantiene con le istituzioni locali. Un aiuto concreto per tanti imprenditori del nostro territorio". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confesercenti: "E' una falsa zona gialla"

ParmaToday è in caricamento