menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Congresso delle Camere Civili: salta l'intervento del Ministro Severino

E' iniziato all'Auditorium del Carmine il congresso nazionale. Assente il Ministro. Il presidente Renzo Menoni: "Riforma urgente per l'accesso alla professione forense"

E' iniziata oggi all'Auditorium del Carmine a Parma la tre giorni del congresso nazionale dell'Unione Nazionale Camere Civili. Il congresso è intitolato 'Avvocati, concorrenza e mercato. La parola alle Camere Civili'.Stamattina era annunciata, alle ore 10, la presenza del Ministro della Giustizia Paola Severino ma l'intervento alla fine non c'è stato. Al suo posto il sottosegretario alla Giustizia Salvatore Mazzamuto. L'evento si è aperto con l'inno nazionale e l'inno dell'Unione Europea.

IL SOTTOSEGRETARIO MAZZAMUTO SUL DDL ANTICORRUZIONE
"Attendo ovviamente il documento del Csm, ma quello che posso dire è che non ci sono così grandi novità rispetto al testo approvato dalla Camera, solo alcune correzioni. Le critiche andavano fatte al testo della Camera anche se capisco che il Csm abbia i suoi tempi, comunque, ripeto, attendo di leggere il testo. Certamente, il nostro è un provvedimento che affronta alcuni aspetti, non può risolvere tutte le questioni poste dalla corruzione anche perché il tema non è solo questione di legge ma anche di autoriforma dei partiti, di pulizia dell'azione amministrativa - ha voluto sottolineare il sottosegretario - Questa legge sul piano della prevenzione è comunque un importante passo in avanti - ha concluso - L'Europa é per noi una platea molto condizionante e ci chiedeva un segnale. Prendiamo questo provvedimento anche in questa prospettiva: non emanare questa legge avrebbe avuto un costo dal punto di vista della credibilità".

Sì ad una riforma urgente per l'accesso alla professione forense, no al tribunale delle imprese e a nuove misure che rischiano ancora di mortificare la magistratura. E' stato questo l'appello lanciati al Governo e al Ministro Paola Severino, che però non era in sala come previsto. "Perché questo governo, nonostante l'ultimo pronunciamento della Corte costituzionale, continua ad assumere misure che vogliono mortificare la magistratura, anche dal punto di vista economico? - ha domandato nella sua relazione il presidente dell'Unione Nazionale delle Camere Civili, Renzo Menoni -

"Non ultimo, c'é il decreto stabilità 2 che sarà nei prossimi giorni in discussione in parlamento e che rischia ancora di colpirci". "Siamo poi contrari ai tribunali dell'imprese - ha proseguito il presidente dell'Uncc - Rischiano di creare una giustizia di serie A per le imprese, che dovrebbe essere, ma non lo sarà, più celere e con i migliori magistrati, ed una di serie B per i comuni cittadini. Necessario poi il recupero dei magistrati fuori ruolo e di quelli ancora scoperti.

Questo vale anche per i posti di cancelliere di cui, da anni, non si fa più un concorso. E non diciamo che non ci sono le risorse: solo lo scorso anno l'Italia è stato condannata per oltre 84 milioni di euro per l'irragionevole durata dei processi. Ci sono poi molti milioni di euro da recuperare, come, ad esempio, i famosi braccialetti elettronici o quella squadra di calcio, che milita in serie D, e che viene pagata dal ministero della Giustizia". Bene invece la volontà del Guardasigilli di arrivare ad un riforma dell'accesso alla professione forense.

"E' un problema annoso - ha commentato il presidente Menoni - In Italia ci sono duecentoquarantamila avvocati; non sono tanti, non sono troppi, sono semplicemente una follia. Questo non lo dice solo l'avvocatura, ce lo dicono gli inoppugnabili numeri. In Francia, ad esempio, ci sono quarantamila avvocati. Abbiamo quindi accolto con estremo piacere la disponibilità del ministro Severino di aprire un tavolo sul tema dell'accesso alla professione e grande merito andrà a questo governo se saprà intervenire con un provvedimento urgente". "Oggi nell'avvocatura - ha concluso l'avvocato Menoni - non prevalgono i più bravi ma i più raccomandati, quelli che hanno i maggiori contatti".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

  • Cronaca

    Confartigianato: "A disposizione le nostre sedi per le vaccinazioni"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento