Cronaca

Conquibus, il Gip blocca le attività dell'azienda che organizzava convegni per Aversa

Mattia Fiorentini ha disposto lo stop per un anno alla Csc, la cui titolare Paola Gagliardini è agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta

Inchiesta Conquibus. Il Gip Mattia Fiorentini, su richiesta della Pm Emanuela Podda, ha disposto il blocco, per un anno, di tutte le attività della società Csc di Perugia, che si occupava dell'organizzazione di gran parte dei convegni medici per l'ex direttore dell'Ematologia dell'Ospedale Maggiore Franco Aversa, finito agli arresti domiciliari per corruzione ed altre 30 imputazioni. La titolare della Csc Paola Gagliardini, che davanti al Gip aveva respinto tutte le accuse con dichiarazioni spontanee, si trova ai domiciliari. Ora questo nuovo provvedimento si aggiunge alle misure restrittive della libertà. Secondo il Gip tra i due ci sarebbe un forte legame, una sorta di accordo destinato a far crescere i guadagni per entrambi: Paola Gagliardini invece, durante l'interrogatorio, aveva scaricato tutte le responsabilità su Aversa, sostenendo di non sapere nulla dell'organizzazione dei convegni con le case farmaceutiche. 

La misura cautelare nei confronti di Franco Aversa è stata revocata: si è arrivati, nel frattempo, alla chiusura delle indagini. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conquibus, il Gip blocca le attività dell'azienda che organizzava convegni per Aversa

ParmaToday è in caricamento