menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferretti? "Le banche non ci aiutano? Sarà perchè ci sono i 5 Stelle"

A due giorni dalla discussione sull'Albo delle libere forme associative torna a riunirsi il Consiglio comunale di Parma. Per la parte deliberativa l'assessore Ferraris presenterà la variazione del Bilanco 2013 dell'Istituzione Casa della Musica

Dopo due giorni dalla discussione sull'Albo delle libere forme associative torna a riunirsi il Consiglio comunale di Parma. Nell'incontro di martedì 24 settembre la discussione sulla Tares è stata rimandata alla prossima seduta dell'8 ottobre. Oggi pomeriggio invece i consiglieri saranno impegnati nella discussione degli altri punti che non sono stati affrontati nell'incontro di martedì. Oltre a due interrogazioni del capogruppo del Pd Nicola Dall'Olio sul degrado, in via Doberò e in via Colorno, l'assessore alla Cultura Laura Ferraris presenterà per la parte deliberativa la variazione del Bilanco 2013 dell'Istituzione Casa della Musica, mentre l'assessore Ferretti presenterà la salvaguardia degli equilibri dei bilanci d'esercizio 2013. 

CRONACA

Ore 16.50 - Si passa alla parte deliberativa

La delibera sulla salvaguardia del Bilancio passa con 18 voti favorevoli, 8 contrari e 1 astenuto.

La seconda delibera riguarda la salvaguardia degli equilibri dei bilanci d'esercizio 2013. Ferretti: "Il Bilancio in previsione può subire ulteriori variazioni che non posssono essere deliberate oltre il mese di novembre. Una variazione importante è quella sull'Imu, poi c'è la spesa di 114mila euro della Tares perché ora andrà in capo al Comune. Pesano anche le cause del 2012 contro il Comune per 102 milioni di euro. Un mutuo da 14 milioni complessivi è stato acceso per la Scuola europea e il complesso del Quadrifoglio, mentre non è stato utilizzato il milione di euro proveniente dall'avanzo di bilancio". Il Pd ribadisce l'impegno che era stato preso riguardo all'utilizzo del milione di euro, in particolare per allegerire le rette degli asili, e critica la scelta di investire sul complesso Quadrifoglio. Ferretti si anima e risponde: "Le banche non ci aiutano? Sarà perché ci sono i 5 Stelle. Per gli autovelox ho suggerito di metterne uno sul Lungoparma e poi dobbiamo salvare le società, perché ce lo chiedono le banche". Interviene Buzzi: "Vedo che l'assessore Ferretti ha imparato bene la lezione che i 5 Stelle propinano da quando si sono insediati, ovvero che è colpa di quelli che c'erano prima. Ma vi ricordo che se siete riusciti a pagare i fornitori è solo grazie a un decreto del Governo e a tasse mantenute altissime, quindi qual è stata la scelta politica che avete fatto? Sulla Scuola europea". Interviene Marco Bosi, consigliere 5 Stelle, spiegando che 2,3 milioni di euro vengono sottratti dalla spending review fatta dal Governo, poi aggiunge: "Chi ha rovinato la credibilità del Comune di Parma ne ha pagato il prezzo e ora siede nei banchi di opposizione. Oggi approviamo una manovra che non prevede nessun taglio alla spesa corrente come accadeva in passato".

Prima delibera sulla variazione del Bilanco 2013 dell'Istituzione Casa della Musica, illustra la delibera l'assessore alla Cultura Laura Ferraris: "La variazione riguarda 24mila euro che passano dal capitolo prestazioni di servizio al capitolo trasferimenti". La delibera passa con 26 voti favorevoli, nessun contrario e 3 astenuti.

Disaccordo sull'ordine del giorno del consigliere Buzzi riguardo alle consulenze stabilite dal commissario Mario Cliclosi nel corso del suo mandato. Per il consigliere sono stati spesi 153mila euro senza motivo e per questo chiede di rendere noti i risultati dell’indagine interna del Comune alla Corte dei Conti per valutare un possibile danno. Risponde l'assessore Ferretti: "La delibera commissariale è stata revocata, ma le somme sono già state corrisposte all'ente". L'ordine del giorno viene ritirato. Sull'argomento lavorerà una commissione.

Ore 16.00 - Dopo una pausa per decidere in Capigruppo se discutere alcuni ordini del giorno si procede con le comunicazioni urgenti.

Il consigliere Paolo Buzzi comunica il cambiamento del nome del partito da Popolo della Libertà a Forza Italia.

Comunicazione del consigliere 5 Stelle, Mauro Nuzzo, sul bando di Stt per l'individuazione di un advisor: "La nostra preoccupazione è grande sulla vicenda. Secondo quanto comunicato dall'assessore al Bilancio, Marco Ferretti, una delle buste risultava essere manomessa. Ci teniamo che l'assessore ci dia spiegazioni". Risponde l'assessore Ferretti: "La vicenda è grave e per questo è stata denunciata. Questo pomeriggio avremo indicazioni su come procedere, se annullare la gara o ripartire consegnando le buste ai competitor. Appena avremo certezze le comunicheremo".

Il consigliere del Pdl, Paolo Buzzi, interviene sul continuo stato in cui versa il cantiere della Scuola europea: "Entro l'estate il cantiere doveva essere portato a termine. Ma la struttura non è stata completata e forse verrà conclusa nel 2014. Questo suscita l'ilarità dell'Efsa e dell'Europa". Risponde piccato l'assessore Alinovi che accende la polemica in aula: "Ilarità? Abbiamo costruito la scuola a casa di un altro".

Ore 15.00 - Inizia il Consiglio Comunale.

Nuova interrogazione del consigliere Dall'Olio sull'ecomostro in via Forlanini, ovvero il parcheggio multipiano abbandonato: "Si dovrebbe riflettere sulla possibilità di demolirlo". Risponde l'assessore all'Urbanistica, Michele Alinovi: "Non è ancora proprietà dell’Amministrazione comunale, ma degli attuatori. Incontreremo i proprietari per trovare soluzioni. Intanto ci sono delle proposte sul suo riutilizzo, ad esempio come spazio vendita per auto”.

Interrogazione del consigliere del Pd, Nicola Dall'Olio, sul degrado della pista ciclabile e e gli spazi al di sotto del raccordo Tav: "C'è sporcizia, siringhe e anche se un tratto è stato pulito gli altri versano in pessime condizioni". Risponde l'assessore all'Ambiente, Gabriele Folli: “Abbiamo scritto a Rfi per trovare una soluzione condivisa. L'area deve essere gestita solo dalle Ferrovie e vogliamo chiedere di farsi carico del problema”.

Interrogazione del consigliere del Pd Pierpaolo Scarpino sulle condizioni di abbandono in cui versa l'area, nei pressi di Baganzolino, a suo tempo individuata dal Comune come una nelle quali poter disperdere le ceneri delle salme cremate in ambito territoriale.
Risponde l'assessore alla Cultura, Laura Ferraris: "L'area è in stato di degrado, ma alcuni interventi non sono possibili perché le barriere, ad esempio, devono essere abbattibili in caso di piena e se si intervenisse le dimensioni della carreggiata non avrebbero i requisiti di sicurezza. Possiamo cercare di sollecitare una risposta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento