menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio sospeso per mancanza del numero legale: assenti anche Pizzarotti e Paci

Alle ore 17 torna in aula il presidente di consiglio Vagnozzi e dichiara decaduto il consigilo comunale. Il consiglio tornerà a riunirsi domani, 22 luglio con prima convocazione alle ore 20.15. Pizzigalli: "Mancanza d'affetto della minoranza al Consiglio", Ghiretti: "Non si era mai visto"

Nel pomeriggio del 21 luglio, a partire dalle ore 14.30, si terrà una nuova seduta del Consiglio Comunale di Parma. Oggi è il giorno della presentazione della mozione dei consiglieri Dall'Olio, Pellacini, Guarnieri e Ghiretti per impegnare il sindaco a revocare il mandato all'assessore Casa: dopo la conferenza stampa l'opposizione -come annunciato- richiederà le dimissioni dell'assessore al Commercio, dopo la vicenda dei concerti saltati in piazza Duomo. Verrà poi discusso e votato il Bilancio di Previsione 2015, verranno presentate le modifiche del Regolamento Comunale per la Tasi e l'Imu e l'atto di indirizzo per la realizzazione del nuovo Polo della Chiesi Farmaceutica. 

MANCA IL NUMERO LEGALE: SOSPESO IL CONSIGLIO COMUNALE

Alle ore 17 torna in aula il presidente di consiglio Vagnozzi e dichiara decaduto il consigilo comunale. Il consiglio tornerà a riunirsi domani alle ore 20.15. 

Il comunicato del consigliere di maggioranza Pizzigalli sull'accaduto - Oggi abbiamo assistito alla palese mancanza d'affetto della minoranza del consiglio comunale nei confronti di Parma e dei cittadini. Le opposizioni composte da PD, Forza Italia, UDC, Ghiretti e altri pur essendo presenti dietro ai banchi si fingono assenti e ostacolano i lavori del Consiglio, approfittando dell'assenza del Sindaco che è stato invitato da Papa Francesco insieme ai 70 Sindaci più importanti del mondo per condividere le migliori pratiche nel contrastare i cambiamenti climatici e la schiavitù moderna. Temi alti, molto alti. Niente a che vedere con i fatti venuti alla ribalta della cronaca in questi giorni e che hanno coinvolto anche membri dell'attuale opposizione e delle passate amministrazioni: mi riferisco sia all'indagine su SPIP che aveva portato a debiti per oltre 100 milioni sia all'inchiesta di 'Ndrangheta Aemilia. Questi sono gli esperti che criticano e ostacolano il nostro operato. Il Consiglio comunale di oggi, tra l'altro, prevedeva sconti sulla TASI per i cittadini colpiti dall'alluvione e per le famiglie numerose. I cittadini di Parma ringraziano

LA NOTA DI ROBERTO GHIRETTI - "Un Consiglio comunale dedicato all’approvazione del Bilancio annullato per mancanza del numero legale è qualcosa che ancora in questa città non si era mai visto. Molto spesso sono stato accusato di essere polemico o pregiudizialmente contro questa Giunta. Un "marchio" che talvolta mi è arrivato persino da persone che ricoprono responsabilità nel tessuto economico o politico della città. Mi chiedo dove siano oggi queste persone e dove fossero ieri: Parma vive giorni inauditi eppure si esige da me silenzio e complicità. Ci rendiamo conto che la città convive con una Giunta e una maggioranza che non sanno nemmeno presentarsi in orario all'approvazione di quello che è uno dei principali appuntamenti istituzionali? Parma può permettersi la mancata approvazione di un Bilancio perché questo cade in estate e durante le ferie al mare? Siamo al delirio. E il peggio è che se lo fai notare vieni bastonato e schernito. Non è accettabile, non tanto per la lesione della mia dignità, quanto perché prevede un assunto terribile: devi tacere su cose che vedi in Consiglio oppure subisci questo trattamento. Spero di cuore che questa amministrazione si ravveda, che comprenda la gravità di quanto avvenuto e capisca che i parmigiani meritano di meglio. Molto meglio. Comportamenti come quello avvenuto oggi in Consiglio comunale sono inaccettabili da chiunque, ma particolarmente da parte di chi pretenderebbe di rappresentare una politica nuova, efficiente, al servizio dei cittadini".

Appello dei consiglieri per l'inizio del consiglio comunale: Dall'Olio fa notare che manca il numero dei consiglieri per poter iniziare il consiglio e manca anche il sindaco. Alla votazione sono presenti 16 consiglieri su 32 e solo 7 di maggioranza. I 5 consiglieri Pd non rispondono all'appello così come il consigliere Nuzzo. Nel giorno della presentazione di bilancio mancano sindaco e vicesindaco e buona parte dei consiglieri di maggioranza. Sospesa la seduta per mancanza di numero legale. 

Viene rifatto appello e manca di nuovo il numero legale per continuare il consiglio comunale. Scambi verbali animati tra i consiglieri che oggi si sono presentati in consiglio ma non hanno dichiarato la loro presenza durante l'appello nominale. Nell'attesa per la terza convocaizone e appello la minoranza annuncia che non tornerà in aula. Dalla minoranza : "Incapacità organizzativa e programmatica"

Operazione antimafia Aemilia 

Dall'Olio: "Fondamentale mantenere attenzione alta, non lasciare che ci sia silenzio. Non avere la vergogna di dire che nel nostro territorio c'è la mafia. Osservatorio che era stato creato è un modo di mantenere un faro puntato. Sollecito a dare conto dell'Osservatorio. Problemi anche al carcere, spazio e sicurezza. Invito a rilanciare il lavoro dell'osservatorio"

Nuzzo: "Il protocollo sulle mafie è stato avviato oltre il limite solo la settimana scorsa dopo diciotto mesi"

Referendum servizi educativi -

Bizzi:

"Sul referendum sono state spese tante parole. Perciò oggi terrò la fascia di lutto per la democrazia referendaria non rispettata. Referendum su servizi educativi. Perché si temporeggia? Quando sarà assegnato l'appalto sarà troppo tardi per l'amministrazione rispondere alla richiesta. Per la questione educativi preferite difendere l'inferisse di pochi che la necessità di molti"

Nuzzo: "Referendum, sono 90 i giorni complessivi previsti dallo statuto e ora siamo a 77 giorni e nulla hanno ancora detto. I cittadini avrebbero ora 13 giorni per raccogliere 5.000 mila firme e domani i giorni sono 12..." 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento