Consiglio Inceneritore, gli esperti non ci saranno. Folli: "Danno fastidio"

Dopo la decisione della conferenza dei capigruppo di ieri di vietare la partecipazione dei tecnici al Consiglio del 9 gennaio l'assessore: "Erano esperti invitati dal presidente del Consiglio comunale"

Consiglio comunale del 9 gennaio sull'inceneritore. Le acque diventano sempre più calde. Dopo la polemica per la presentazione, da parte del Gcr, di alcuni esperti che avrebbero dovuto prendere parte all'audizione monotematica ieri la conferenza dei capigruppo ha deciso di non dare la possibilità agli esperti Rabitti, Favoino, Caldiroli e Gentilini di partecipare alla seduta di Consiglio. Stamattina è arrivata la dura presa di posizione dell'assessore all'Ambiente Gabriele Folli.

"E’ con estremo disappunto – dice Folli - che apprendo della decisione della conferenza dei capigruppo di vietare l’audizione di esperti di estremo valore sul tema dei rifiuti nel consiglio monotematico sull’inceneritore che si terrà domani. Non si trattava come affermato strumentalmente dall’opposizione di un agenda dettata dal GCR, ma di esperti invitati dal Presidente del Consiglio su mia indicazione. Sono 2 mesi che stiamo preparando questo consiglio che è stato più volte rimandato su richiesta dell’opposizione e i tecnici Rabitti, Favoino, Caldiroli e l’oncologa Gentilini avrebbero potuto fornire un quadro completo sugli aspetti ambientali, sulle procedure autorizzative, sugli aspetti legali e sulle tecnologie alternative di gestione dei rifiuti. Evidentemente alla minoranza queste voci danno fastidio- conclude l’assessore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione: ecco quando ci si può spostare da un comune all'altro per fare spesa

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Nuove chiusure e una 'finestra' per i regali: ecco come sarà il Natale parmigiano

  • Covid, netto calo dei positivi. Stabili le intensive, quattro i decessi

Torna su
ParmaToday è in caricamento