menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio provinciale, parere favorevole alla variante Rue di Salso: Fritelli non partecipa al voto

Il sindaco di Salsomaggiore e presidente della Provincia non ha preso parte al voto: parere favorevole con riserve. Ancora incertezze sul personale e sul bilancio

La seduta del Consiglio Provinciale di oggi si è aperta con l’interrogazione del Delegato Conti sulle preoccupazioni espresse pubblicamente dal sindacato Csa sulle sorti del personale. Risponde il Delegato al Bilancio e Personale Bianchi, affermando che sul tema non ci sono ancora sufficienti elementi di chiarezza, né da parte della legge Regionale (ancora allo stadio delle udienze conoscitive) né dal Decreto Enti locali, in approvazione entro fine luglio, che non dà risposte sulle Province.

“Oggi non ci sono i termini per ragionare sul futuro – afferma Bianchi - Non sappiamo quali funzioni le Province debbono esercitare, e con quali dipendenti. In queste condizioni non possiamo neanche redigere un bilancio.  Inoltre, nel 2017 la Provincia di Parma dovrà dare allo Stato 24 milioni di euro sui 30 milioni di ricavi dall’RC Auto. Solo dopo il Decreto Enti locali e la Legge regionale sapremo se potremo fare i bilanci. E’ la situazione di gran parte delle Province, su cui l’Upi nazionale sta lavorando col Governo.”

Sono state poi approvate all’unanimità tutte le deliberazioni di oggi. Il Consiglio ha preso atto della sentenza della Commissione Tributaria Provinciale del 22 giugno 2015, che cha condannato la Provincia a pagare l’Ici al Comune di Albareto per il complesso immobiliare “Casale di Albareto” per gli anni 2005 m- 2006 e 2007 per un totale 24 mila euro circa, della sentenza del Giudice di pace per il risarcimento ad un automobilista a seguito di un incidente d’auto provocato da un cervo  su strada provinciale e di un debito a favore di Emiliambiente   a seguito di una sentenza del Tar.

Si è passati quindi alla ricognizione delle partecipazioni della Provincia in enti di diritto privato (fondazioni e associazioni) per lo più di carattere culturale, turistico e associativo.  Prendendo atto della riforma, la Provincia si riserva di verificare se al 1° gennaio 2016, concluso il processo di riordino, sussisterà l’interesse dell’Ente a rimanere all’interno di tali enti partecipati Intanto per il 2015 la Provincia si vede costretta a sospendere l’erogazione delle quote contributive. Bianchi avverte che in alcune di queste Fondazioni ci sono patrimoni di proprietà della Provincia di Parma quindi l’uscita dalle medesime può significare una perdita patrimoniale per l’Ente. E il Delegato Cantoni sottolinea che alcune di esse hanno funzioni di rilievo per le future generazioni come l’Isrec, l’Istituto Storico per la Resistenza.

E’ stato poi espresso parere favorevole motivato con riserve sulla variante al RUE del Comune di Salsomaggiore Terme: si invita il Comune a riconsiderare le previsioni per l’ambito B5 in località Poggetto - Cento pozzi per le sfavorevoli condizioni morfologiche, le fasce di rispetto stradale e il vincolo paesaggistico; inoltre si invita il Comune a correggere alcuni errori materiali. Il Presidente Fritelli, Sindaco di Salsomaggiore, non ha partecipato al voto.A fine seduta è emersa anche la necessità di un ampio confronto futuro sul tema delle “Aree vaste”, in particolare segnalata dai Delegati Censi e Bellini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Attualità

Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento