menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consiglio provinciale: 2 milioni per realizzare nuove aule scolastiche

Personale, Montagna e servizi agli anziani gli altri temi discussi nella seduta di oggi. Un minuto di silenzio per ricordare il sen. Gianpaolo Mora, che è stato anche consigliere provinciale.

Il Consiglio Provinciale di stamattina si è aperto con due interrogazioni di Conti. La prima: sulla gestione del personale e il Fondo di produttività dei dipendenti e sullo stato di difficoltà della  viabilità provinciale, per strumenti e uomini. 

Risponde il Segretario generale Rita Alfieri che proprio in questo mese si è lavorato alla riorganizzazione dell’Ente, è stato redatto un nuovo Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi, e a breve usciranno i  bandi per le nuove posizioni organizzative.

Il Presidente Fritelli ha risposto a sua volta che, compatibilmente con le ristrettezze di bilancio, il settore Viabilità va avanti e la situazione è sotto controllo.

Da 1° aprile, inoltre, si potrà probabilmente stipulare una convenzione con la Regione per continuare a utilizzare come dirigente del Servizio l’ing. Alifraco, ora transitato in Regione.

Per Bianchi, Delegato al Personale e al Bilancio, “la fase di cambiamento durerà almeno per tutto il 2016.”

Ancora Conti, partendo dai dati della popolazione resi noti la settimana scorsa, pone poi l’accento sulla desertificazione demografica dell’Appennino, e sul lento e inesorabile declino della nostra montagna. “La Regione si deve far portavoce del problema verso il Governo, per evitare l’abbandono totale.”

Per Bianchi:” il Comune da solo non può affrontare da solo nessun problema, occorre fare sistema. Gli strumenti e gli incentivi ci sono, ma c’è la difficoltà a lavorare insieme”.

Oppici lancia un appello affinché vi sia un intervento politico sui sindaci per favorire il costituirsi delle Unioni, abbandonando le logiche di campanile e Cantoni richiama l’importanza delle scuole e delle strade per mantenere la popolazione in montagna.

“Lo spopolamento della Montagna è un tema epocale, una tendenza generale, che richiederebbe una politica nazionale incisiva, con incentivi e defiscalizzazioni per far rimanere i giovani e dare continuità alla popolazione – dichiara il presidente Fritelli.

Per Moretti il problema maggiore di chi abita in montagna è la semplificazione amministrativa, più ancora che gli incentivi. 

Il Consiglio, su proposta di Vescovi, osserva poi un minuto di silenzio in memoria del sen. Gianpaolo Mora, recentemente scomparso, che è stato anche consigliere provinciale.

Vescovi esprime orrore per i maltrattamenti sugli anziani filmati a Villa Matilde, struttura accreditata e convenzionata: “La comunità intera si deve interrogare sul tema dell’assistenza agli anziani, sulla tutela dei soggetti deboli, sul controllo e le garanzie sulla qualità dei servizi offerti”. 

Infine, Vescovi manifesta preoccupazione sul silenzio mediatico e politico sul referendum per le trivellazioni del prossimo 17 aprile, preconizzando il rischio di una deriva democratica. Cantoni si associa alle preoccupazioni di Vescovi, ricordando che anche non votare è un’espressione di voto e auspica che venga data maggiore dignità allo strumento referendario, che dovrebbe essere valido anche con meno del 50% dei votanti.

Sereno per la democrazia, invece, si dichiara Bianchi, visto che abbiamo votato 127 volte in 30 anni,ma condivide che lo strumento del referendum vada rivisto, e nella riforma istituzionale lo si fa.

 Il Consiglio ha poi approvato all’unanimità una delibera, illustrata dall’ing. Cassinelli, con cui si decide di stanziare gli oltre 2 milioni di euro arrivati dalla Regione per unico intervento di edilizia scolastica, per risolvere il fabbisogno di aule scolastiche nelle scuole medie superiori del capoluogo. Si tratterà di una struttura nuova o dell’ampliamento di una struttura esistente, su un’area di proprietà della Provincia. I dettagli saranno definiti in sede tecnica.

Rinviata alla prossima seduta la prevista stipula dell’accordo quadro tra le Province di Parma e Piacenza, per consentire un approfondimento richiesto dalle organizzazioni sindacali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 73enne ha un malore dopo il vaccino Pfizer

  • Attualità

    Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento