Controlli dei carabinieri. Pilotta, sotto le panchine spunta la droga

Gli spacciatori continuano a nascondere le sostenza stupefacente in piazzale della Pace. Ma i carabinieri le trovano. Controli in tutta la provincia: denunce e segnalazioni

La droga sequestrata in Pillotta dai carabinieri

Giorni di controlli per i carabinieri di Parma e provincia. Per una settimana i militari delle 12 stazioni presenti nel territorio parmense hanno effettuato numerosi controli, impiegando 20 militari e 10 pattuglie. Sono state identificate 140 persone. Numerose le denunce per diverse tipologie di reato. Sei moldavi e un italiano sono stati perchè trovati in possesso di arnesi adatti allo scasso. I controlli si sono svolti presso il parcheggio scambiatore di via Verdi e a Corniglio. Le persone segnalate avevano mazze, coltelli, cacciaviti e addirittura un'accetta, con la quale una persone ha minacciato i carabinieri.

Una giovane ivoriana di 18 anni è stata denunciata a Lesignano Dè Bagni per il furto di uno smart phone ai danni di una studentessa di 16 anni del Burkina Faso. Sono stati denunciati, in via Mercati e in via Giolitti, per guida in stato di ebbrezza 3 persone, due italiani e uno straniero, sorpresi con valori molto alti di alcool nel sangue, anche oltre 2 punti. Due persone sono state segnalate come assuntori di sostanze stupefacenti. Erano al parco Ducale ed avevano appena acquistato una dose di marjiuana. Ancora droga negli arredi della Pilotta. Le pattuglie miste hanno trovato 34 grammi di marijuana contenuti in 4 involucri di cellophane. Erano nascosti sotto alcune panchine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento