rotate-mobile
Cronaca

Controlli nei ristoranti etnici: due denunce per frode in commercio e multe per 15 mila euro

In azione tutti i reparti speciali dei carabinieri, dai forestali ai Nas, il Reparto Tutela Agroalimentare e il Nil: due ristoratore aveva prodotti ittici surgelati che vendevano come freschi

Nei giorni scorsi tutti i reparti specialistici dei carabinieri di Parma, carabinieri forestali, Reparto Tutela Agroalimentare, Nas e Nil, hanno effettuato alcuni controlli mirati nei confronti delle attività di ristorazione etnica presenti sul territorio: sono stati ispezionati in tutto 25 operatori. Non sono state rilevate particolari criticità ma sono state riscontrate alcune violazioni penali ed amministrative. Due ristoratori, in particolare, sono stati segnalati per tentata frode in commercio perchè nei loro ristoranti sono stati trovati prodotti ittici congelati ma venduti come freschi. Sono state contestate dodici violazioni amministrative per irregolarità nell’etichettatura per carenza di rintracciabilità dei prodotti commercializzati;  il mancato rispetto delle procedure di autocontrollo (HACCP); la mancanza di attestati di formazione di personale alimentarista e violazione della normativa sul fumo. In totale le sanzioni comminate sono state di 15 mila euro. In due locali poi sono state contestate violazioni previdenziali: un lavoratore in nero e l'inosservanza dell'orario di lavoro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli nei ristoranti etnici: due denunce per frode in commercio e multe per 15 mila euro

ParmaToday è in caricamento