Lavoro, accordo a Soragna: le coppie gay avranno diritto al congedo

L'azienda Servizi Italia di Castellina di Soragna e i sindacati Filctem CGIL, Femca Cisl e Uiltec Uil hanno firmato uno dei primi accordi a livello nazionale su questo tema

Lo scorso 14 novembre è stato firmato un importante accordo tra l'azienda Servizi Italia di Castellina di Soragna le RSU e i sindacati di categoria Filctem CGIL, Femca Cisl e Uiltec Uil territoriali in merito all'allargamento dell'istituto del congedo matrimoniale alle coppie non eterosessuali. Le basi dell'accordo sono state messe a Parma da Marco Todeschi della FILCTEM CGIL provinciale e Simona Campanini della Servizi Italia Spa, un’azienda leader sul territorio nazionale nel settore dei servizi integrati rivolti alla sanità.

Volendo esplorare non solo istituti puramente economici o contrattualistici ma anche percorsi comuni su temi sociali le parti con questo accordo hanno sostanzialmente convenuto sulla dignità dell'affettività delle coppie non eterosessuali riconoscendo l'istituto del congedo matrimoniale a tutti i lavoratori che decideranno di unirsi in matrimonio nei Paesi dove è consentito. Nel contesto del mondo dell'industria, spesso reticente a questo tipo di percorsi, l’azienda Servizi Italia e le Organizzazioni Sindacali territoriali hanno firmato uno dei primi accordi a livello nazionale su questo tema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riconoscendo tale diritto le Organizzazioni Sindacali e la Lavanderia Industriale Servizi Italia respingono ogni logica di discriminazione in termini di orientamento sessuale. In un Paese dove il tasso di omofobia è tra i più alti d'Europa, intese di questo genere sono da evidenziare e far proliferare in modo che anche la classe politica possa dare segnali diversi da quelli fino ad oggi proposti. L’interesse dell’azienda è ora quello di allargare tale possibilità a tutti gli altri stabilimenti del territorio nazionale, che occupano circa 1500 dipendenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento