Parma prova a reagire: il centro storico si ripopola

Viaggio nella città che sta cercando di riprendersi, seppur timidamente, e con l'osservanza delle disposizioni per il contenimento del contagio, dai bar agli esercizi commerciali

Sabato mattina in centro storico a Parma, ai tempi del coronavirus. I parmigiani e le parmigiane provano a reagire: dopo le piazza e le strade deserte dei giorni scorsi oggi la città prova a sollevare la testa e riprende, seppur timidamente, a riempire alcune strade ed alcuni borghi del centro, da via Mazzini a Via d'Azeglio.

Complice l'apertura dei mercati - che non sono stati toccati dalla misure contenute nel decreto del Governo per contrastare la diffusione del contagio da coronavirus, diversi parmigiani hanno attraversato, nella mattinata del 7 marzo, le strade del centro storico. Tra bar ed esercizi commerciali aperti - con la stretta osservanza delle disposizioni di legge - la passeggiata in centro, anche per le temperature elevate che hanno superato i venti gradi, non è certo quella di due settimane fa ma si intravede qualche segno di ripresa. 

Il totale dei contagiati a Parma al 6 marzo è di 181 persone 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

Torna su
ParmaToday è in caricamento