Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

Il prossimo territorio che potrebbe essere ulteriormente blindato, con misure più restrittive rispetto a quelle imposte dal Governo, potrebbe essere il nostro

Nella serata di lunedì 23 marzo il presidente della Regione Stefano Bonaccini ha firmato un'ordinanza regionale che prevede ulteriori restrizioni per tutto il territorio della provincia di Piacenza, dalla sospensione di tutte le attività economiche - escluse quelle essenziali - al rafforzamento delle misure di contenimento e di distanziamento sociale. Il prossimo territorio che potrebbe essere interessato ad un'ulteriore stretta è quello parmense: lo aveva annunciato qualche giorno fa il Commissario ad acta Sergio Venturi e Parma continua a essere - insieme a Piacenza e a Rimini - epicentro del contagio in Emilia-Romagna. Nelle prossime ore quindi anche la nostra città potrebbe essere ulteriormente blindata - con misure più restrittive rispetto a quelle attivate su tutto il territorio nazionale in seguito al decreto del Governo del 22 marzo, per cercare di limitare il contagio da coronavirus. Per quanto riguarda il numero totale di contagiati la nostra città ha superato i 1360 con 155 nuove positività tra domenica 22 e lunedì 23 marzo e altri 13 morti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

Torna su
ParmaToday è in caricamento