Coronavirus, oltre 2 mila controlli tra persone e locali: 87 denunce

Ecco i dati del 19 marzo, il primo giorno in cui a Parma era in vigore il divieto di passeggiate e giri in bici, se non per motivi di salute

Proseguono i controlli delle forze dell'ordine per verificare il rispetto delle norme contenute nel decreto del Governo, emesso per cercare di limitare il contagio da coronavirus. Nella giornata di ieri, giovedì 19 marzo, sono state controllate 1056 persone. Di queste 87 stavano effettuando spostamenti non di necessità, non per motivi di lavoro o per salute. Proprio da ieri, 19 marzo, è entrata in vigore anche l'ordinanza della Regione Emilia-Romagna che prevede - solo per Parma e le altre città della regione - limitazioni più stringenti, come il divieto di fare una passeggiata, se non con certificato medico ed il divieto di effettuare spostamenti in bicicletta, se non per motivi di lavoro o di necessità. Sono stati controllati anche 1067 esercizi commerciali: il titolare di un locale è stato denunciato. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni nelle strade, nei parchi, lungo le autostrade, sui treni e in aeroporto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoratori si ribellano: "Il 15 gennaio apriremo nonostante i divieti"

  • Le regole dopo il 15 gennaio: ecco quando si potrà andare a trovare parenti e amici

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Parma scongiura la zona rossa

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

Torna su
ParmaToday è in caricamento